Actress i like!

  • Blake Lively vs...
    No item description
  • Hilarie Burton
    "Hilarie Ross Burton (born July 1, 1982) is an American actress. A former host of MTV's Total Request Live, she portrayed Peyton Sawyer on The CW drama One Tree Hill for six seasons. Burton gained wider recognition with leading roles in the films Our Very Own, Solstice and The List, and currently stars as Sara Ellis on the USA dramedy White Collar.Burton's first big break came when working as a VJ for the Total Request Live on MTV. She was supposed to be a guest commentator for one segment but producers decided to offer her a permanent job. Burton had a small part on the TV series Dawson's Creek and this led to her role as Peyton Sawyer on the series One Tree Hill. In 2004, she was nominated for a Teen Choice Award in two categories for her work on One Tree Hill: "Choice TV Actress in a Drama/Action Adventure" and "Choice Breakout TV Star - Female". In 2005, she was again nominated for a Teen Choice Award for "Choice TV Actress: Drama". In May 2009, the CW announced Burton would not be returning to the show for the seventh season in her role as Peyton.Burton appeared once on the television series Hey Dude. She made her feature film debut in Our Very Own, a comedy set in 1970s Nashville, and was featured on the cover of the Jan/Feb 2004 issue of American Cheerleader magazine. Our Very Own, whose ensemble cast features Allison Janney, Jason Ritter, and Cheryl Hines, was screened at the prestigious Sarasota Film Festival. Burton was honored with a special Outstanding Ensemble Acting award at that festival. The film was also nominated for an Independent Spirit Award.

    Burton appeared in the music video for Jack's Mannequin song "The Mixed Tape" as Peyton Sawyer. Later, she recorded a song for The Road Mix: Music from the Television Series One Tree Hill, Volume 3 called Peyton's Podcast Mix.

    In 2008, Burton starred in the independent movie The List as Jo Johnston. Burton also had a role in the major motion picture The Secret Life of Bees, in which she played Deborah Owens.

    Burton's latest film project was The Sacrifice and it is based on another book by Robert Whitlow (The List). She will be reunited with Malcolm McDowell and Gary Wheeler, who also signed on for the project, when it starts filming early next year. She is currently working on Provinces of Night, a film based on the novel by William Gay.

    Burton joined the cast of White Collar as a series regular in Season 3.
    Burton has three younger brothers and resides in Wilmington, North Carolina, where One Tree Hill is filmed. In 2004, Burton married One Tree Hill assistant director Ian Prange, son of executive producer Greg Prange. The two have since divorced. She has a cat named after writer Edgar Allan Poe and is close friends with fellow One Tree Hill stars Bethany Joy Galeotti, Sophia Bush, James Lafferty and Chad Michael Murray. Burton's hobbies include collecting antiques, vintage clothes shopping, knitting and crocheting. In May 2007, Burton ranked #77 in the Maxim Hot 100 List of 2007. She also appeared on the cover of the November 2006 edition of Maxim with One Tree Hill co-stars Sophia Bush and Danneel Harris. In previous years, Burton ranked #2 on Femme Fatales: The 50 Sexiest Women of 2005 and #12 on Much Music's 20 Hottest Women of 2003.

    In 2007, Burton created her own production company called Southern Gothic Productions (SoGoPro) along with Nick Gray, Kelly Tenney, James Burton and Meg Mortimer. Burton is also on the North Carolina Film Council.

    Burton has been in a relationship with fellow actor Jeffrey Dean Morgan since 2009. The couple welcomed a son named Gus in March 2010." — @grace-88
  • Senza titolo #249
    "Biografia [modifica]

    Nata nell'area metropolitana di Los Angeles, in California, proviene da una famiglia che lavora tutta nel mondo dello spettacolo: ha due sorelle attrici, Lori e Robyn Lively, e due fratelli, Jason ed Eric Lively, entrambi attori. Suo cognato è Bart Johnson, sposato con sua sorella Robyn. Non ha mai, di fatto, studiato recitazione: «i miei genitori insegnavano recitazione quando ero piccola e, non potendo permettersi una babysitter, mi portavano sempre ad assistere alle loro lezioni. Sono cresciuta assorbendo il mestiere e, la prima volta che mi sono trovata sul palcoscenico, sapevo già cosa fare».[1]

    Blake ha frequentato la Burbank High School a Burbank, dove era rappresentante d'istituto, nonché cheerleader e componente del Glee Club del liceo. Debutta al cinema a 11 anni, con un piccolo ruolo nel film Sandman, diretto da suo padre Ernie Lively. Quando aveva quindici anni, il fratello maggiore Ericla ritirò da scuola per due mesi, e la portò con sé per farle fare una tournée in tutta Europa. Durante il viaggio il fratello spese la maggior parte del suo tempo a cercare di convincerla a intraprendere la carriera di attrice. La ragazza non era interessata alla recitazione, ma nell'estate del 2005, prima che lei iniziasse il suo ultimo anno di liceo, suo fratello Eric, a sua insaputa, le fece ottenere un'audizone per il ruolo di Bridget in 4 amiche e un paio di jeans, in cui recita insieme ad Alexis Bledel, America Ferrera e Amber Tamblyn; riesce a girare il film durante il suo ultimo anno di liceo.

    Riprende il ruolo di Bridget nel 2008 in 4 amiche e un paio di jeans 2. Inoltre recita accanto a Justin Long nella commedia Ammesso ed è protagonista al fianco di Max Minghella del film indipendente Elvis and Anabelle.

    Nel 2007 raggiunge la fama internazionale con Gossip Girl, serie televisiva in cui recita la parte della protagonista Serena Van Der Woodsen, una ricca ragazza di New York tra problemi di amore, amicizie e feste. Nonostante il successo televisivo continua a lavorare anche nel cinema con il film a episodi New York, I Love You (2008) e nel film The Private Lives of Pippa Lee (2009) di Rebecca Miller.

    Nel 2010 è tra i protagonisti di The Town di Ben Affleck, e la rivista Maxim la classifica al 4º posto nella sua Maxim Hot 100.[2]

    Nel 2011 recita in Lanterna Verde, nel quale l'attrice è co-protagonista, al fianco di Ryan Reynolds, nel ruolo di Carol Ferris. Partecipa inoltre, insieme a Jessica Alba, al videoclip I Just Had Sex dei The Lonely Island ed Akon, e viene incoronata dalla rivista maschile AskMen come "donna più desiderata del mondo".[3] Sempre nel 2011, nel campo della moda, in febbraio lo stilista di calzature Christian Louboutin le dedica un paio di scarpe dal nome "The Blake",[4] mentre in marzo diventa ambasciatrice della casa di moda Chanel.[5] Ancora nello stesso anno la rivista TIME la inserisce tra le 100 persone più influenti al mondo nella sua lista Time 100.[6]

    Vita privata [modifica]

     

     

    Blake Lively alla première di The Town al Toronto International Film Festival 2010
    È stata fidanzata per tre anni, dal 2007 al settembre 2010, con l'attore Penn Badgley, suo collega sul set della serie televisiva Gossip Girl.[7]

    Filmografia [modifica]

    Cinema [modifica]
    Sandman, regia di Ernie Lively (1998)
    4 amiche e un paio di jeans (The Sisterhood of the Traveling Pants), regia di Ken Kwapis (2005)
    Ammesso (Accepted), regia di Steve Pink (2006)
    Simon Says, regia di William Dear (2006)
    Elvis and Anabelle, regia di Will Geiger (2007)
    4 amiche e un paio di jeans 2 (The Sisterhood of the Traveling Pants 2), regia di Sanaa Hamri (2008)
    New York, I Love You, regia di Brett Ratner (2009)
    The Private Lives of Pippa Lee, regia di Rebecca Miller (2009)
    The Town, regia di Ben Affleck (2010)
    Lanterna Verde (Green Lantern), regia di Martin Campbell (2011) - Carol Ferris
    Hick, regia di Derick Martini (2012)
    Savages, regia di Oliver Stone (2012)

    Televisione [modifica]
    Gossip Girl - serie TV, 95 episodi (2007-in corso) - Serena Van Der Woodsen

    Programmi TV [modifica]
    Saturday Night Live - programma TV, 2 puntate (2008-2010)

    Riconoscimenti [modifica]

    2005 - Teen Choice Award Nomination Choice Movie Breakout Female (per 4 amiche e un paio di jeans)

    2008 - Teen Choice Award Choice TV Actress Drama (per Gossip Girl)
    Choice TV Breakout Star-Female (per Gossip Girl)
    Nomination Choice Female Hottie

    2008 - Newport Beach Film Festival Achievement Award-Breakout Performance (per Elvis and Anabelle)

    2009 - Teen Choice Award Nomination Choice TV Actress Drama (per Gossip Girl)

    2009 - Prism Awards Nomination Performances in a Drama Episode (per Gossip Girl)

    2010 - Teen Choice Award Nomination Choice TV Actress Drama (per Gossip Girl)

    2010 - People's Choice Awards Nomination Favorite TV Drama Actress (per Gossip Girl)

    2010 - National Board of Review of Motion Pictures Best Ensemble Cast (per The Town)

    2010 - Broadcast Film Critics Association Nomination Best Acting Ensemble (per The Town)

    2010 - San Diego Film Critics Society Nomination Best Supporting Actress (per The Town)

    2010 - Washington D.C. Area Film Critics Association Best Ensemble (per The Town)

    2011 - People's Choice Awards Nomination Favorite TV Drama Actress (per Gossip Girl)

    2011 - Teen Choice Award Nomination Choice TV Actress Drama (per Gossip Girl)
    Nomination Choice Movie Actress: Sci-Fi/Fantasy (per Lanterna Verde)" — @grace-88
  • Senza titolo #248
    No item description
  • Julia Roberts
    "Biografia [modifica]

    Figlia di Walter Roberts, morto di cancro alla gola quando lei aveva dieci anni, fu cresciuta dalla madre Betty Lou Bredemus, ha tre fratelli: Eric, Anthony e Lelisa (Lisa Roberts Gillan), entrambi attori, e la sorellastra Nancy, nata dal primo matrimonio del padre. Dopo il divorzio dei genitori nel 1971, si trasferisce con la madre la sorella Lisa e il fratello a Smyrna. Il padre rimase ad Atlanta. Inizia gli studi di giornalismo, ma in seguito all'esordio del fratello Eric come attore a Hollywood, decide di seguirlo nella carriera cinematografica e si trasferisce a New York.

    Appare per la prima volta in televisione, nel 1986, nel film Vite sbagliate. Del 1988 il debutto cinematografico, inizialmente con una piccola parte in Legami di sangue, nel quale recita con il fratello Eric, e poi come attrice protagonista nel film Mystic Pizza dove interpreta Daisy Arujo, una cameriera di una pizzeria. Nel 1989 recita nel film drammatico Fiori d'acciaio che le procura il primo Golden Globe e la nomination all'Oscar come migliore attrice non protagonista. La notorietà arriva nel 1990 grazie al successo del film Pretty Woman, in cui è protagonista con Richard Gere, che le fa guadagnare il suo secondo Golden Globe come miglior attrice di commedia e la sua seconda nomination all'Oscar come protagonista. Dopo il 1991, si prende una pausa di due anni dal lavoro, eccezion fatta per un cameo nel film di Robert Altman I protagonisti. All'inizio del 1993 è protagonista di una copertina della rivista People che si domanda Cosa è successo a Julia Roberts?

    Dal 1991 al 1997 recita in A letto con il nemico, Hook - Capitan Uncino con Robin Williams e Dustin Hoffman, Qualcosa di cui... sparlare, Scelta d'amore, Il rapporto Pelican con Denzel Washington, Mary Reilly con John Malkovich, Tutti dicono I Love You di Woody Allen e Ipotesi di complotto con Mel Gibson. Nel 1997, decide di tornare alla commedia, è protagonista ne Il matrimonio del mio migliore amico, in Notting Hill con Hugh Grant e Se scappi ti sposo (nel quale si riunisce la triade Roberts-Gere-Marshall) entrambi del 1999.

    Nel 1998 esordisce come producer per la sua casa di produzione, Shoelace Productions, insieme all'amica Susan Sarandon, per il film melo-drammatico Nemiche amiche. La Shoelace Productions dopo il matrimonio con Dan Moder diventa Red Om. Nel 1999, accetta la parte della protagonista nel film Erin Brockovich - Forte come la verità di Steven Soderbergh con cui vince il SAG Award, il BAFTA, il Golden Globe (per un film drammatico) e l'Oscar alla migliore attrice nel 2001, diventando automaticamente la prima donna in assoluto a vincere contemporaneamente tutti e quattro i più prestigiosi premi che un attore può ricevere con un solo film. Nello stesso anno dell'Oscar, gira in co-starring con Brad Pitt The Mexican, durante le cui riprese conosce il futuro marito Dan Moder.

    Gli anni seguenti, dopo piccoli ruoli di contorno, accettati per sola amicizia, quali Ocean's Eleven, Full Frontal e Confessioni di una mente pericolosa, ritorna nel 2003 in un ruolo da protagonista in Mona Lisa Smile, un "attimo fuggente" al femminile dove interpreta una rampante professoressa di storia dell'arte. Nel 2004 gira Closer, storia di amori e tradimenti diretta da Mike Nichols, e Ocean's Twelve. Dopo tre anni di pausa, in cui, oltre a doppiare film d'animazione ed essere stata protagonista del video della canzone Dreamgirl della Dave Matthews Band di cui era da tempo fan, ha esordito a teatro con la piece Three days of rain, torna al cinema nel 2007 con La guerra di Charlie Wilson, insieme a Tom Hanks.

    Nel 2009 recita al fianco di Clive Owen in Duplicity di Tony Gilroy, in cui entrambi interpretano ex agenti segreti che si prestano allo spionaggio industriale.

    Nel 2010 è testimonial al fianco di Paolo Bonolis e Luca Laurenti della Lavazza. Nel 2011 ha recitato nel film L'amore all'improvviso - Larry Crowne di Tom Hanks.

    Vita privata [modifica]

    Dopo aver abbandonato sull'altare il collega di Linea mortale Kiefer Sutherland, nel 1993 sposa a sorpresa il cantante country Lyle Lovett, dal quale divorzia il 22 marzo 1995. Dopo smentiti flirt con Richard Gere, Daniel Day-Lewis e Matthew Perry, intrattiene una lunga storia d'amore con l'attore Benjamin Bratt. Si risposa con Danny Moder, cameraman, figlio del produttore Mike Moder, il 4 luglio 2002 con cui ha tre figli (Hazel Patricia e Phinneaus Walter, gemelli eterozigoti nati nel novembre 2004, Henry nato nel giugno 2007).

    Filmografia [modifica]

     

     

    Julia Roberts nel maggio 2002.
    Attrice [modifica]
    Crime Story - Serie TV (1986)
    Scuola di pompieri (Firehouse), regia di J. Christian Ingvordsen (1987)
    Baja Oklahoma - Film TV (1988)
    Femmine sfrenate (Satisfaction), regia di Joan Freeman (1988)
    Mystic Pizza, regia di Donald Petrie (1988)
    Legami di sangue (Blood Red), regia di Peter Masterson (1988)
    Fiori d'acciaio (Steel Magnolias), regia di Herbert Ross (1989)
    Pretty Woman, regia di Garry Marshall (1990)
    Linea mortale (Flatliners), regia di Joel Schumacher (1990)
    A letto con il nemico (Sleeping with the Enemy), regia di Joseph Ruben (1991)
    Scelta d'amore - La storia di Hilary e Victor (Dying Young), regia di Joel Schumacher (1991)
    Hook - Capitan Uncino (Hook), regia di Steven Spielberg (1991)
    I protagonisti (The Players), regia di Robert Altman (1992) - Cameo (non accreditato)
    Il rapporto Pelican (The Pelican Brief), regia di Alan J. Pakula (1993)
    Inviati molto speciali (I Love Trouble), regia Charles Shyer (1994)
    Prêt-à-Porter, regia di Robert Altman (1994)
    Qualcosa di cui... sparlare (Something to Talk About), regia di Lasse Hallström (1995)
    Mary Reilly, regia di Stephen Frears (1996)
    Michael Collins, regia di Neil Jordan (1996)
    Tutti dicono I Love You (Everyone Says I Love You), regia di Woody Allen (1996)
    Friends (Friends) (1 episodio, 1996)
    Il matrimonio del mio migliore amico (My Best Friend's Wedding), regia di P.J. Hogan (1997)
    Ipotesi di complotto (Conspiracy Theory), regia di Richard Donner (1997)
    Nemiche amiche (Stepmom), regia di Chris Columbus (1998)
    Notting Hill, regia di Roger Michell (1999)
    Se scappi ti sposo (Runaway Bride), regia di Garry Marshall (1999)
    Erin Brockovich - Forte come la verità (Erin Brockovich), regia di Steven Soderbergh (2000)
    The Mexican, regia di Gore Verbinski (2000)
    I perfetti innamorati (America's Sweethearts), regia di Joe Roth (2001)
    Ocean's Eleven - Fate il vostro gioco (Ocean's Eleven), regia di Steven Soderbergh (2001)
    Full Frontal, regia di Steven Soderbergh (2002)
    Grand Champion, regia di Barry Tubb (2002)
    Corruption Empire, regia di Matt Penn (2002)
    Confessioni di una mente pericolosa (Confessions of a Dangerous Mind), regia di George Clooney (2002)
    Mona Lisa Smile, regia di Mike Newell (2003)
    Closer, regia di Mike Nichols (2004)
    Ocean's Twelve, regia di Steven Soderbergh (2004)
    La guerra di Charlie Wilson (Charlie Wilson's War) regia di Mike Nichols (2007)
    Un segreto tra di noi (Fireflies In The Garden), regia di Dennis Lee (2008)
    Duplicity, regia di Tony Gilroy (2009)
    Appuntamento con l'amore (Valentine's Day), regia di Garry Marshall (2010)
    Mangia prega ama (Eat Pray Love), regia di Ryan Murphy (2010)
    L'amore all'improvviso - Larry Crowne (Larry Crowne), regia di Tom Hanks (2011)" — @grace-88
  • Jessica Biel
    "Biografia [modifica]

    All'età di 14 anni ottenne la parte di Mary Camden in Settimo cielo, una serie televisiva che mette in scena la vita di una grande e unita famiglia. A 15 anni recita ne L'oro di Ulisse, al fianco di Peter Fonda. Crescendo, riceve numerose proposte come avere l'importante parte di Jane in American Beauty[senza fonte], ruolo poi interpretato da Thora Birch. Così Jessica decise di allontanarsi dalla serie televisiva ed avvicinarsi al cinema, limitando la parte di Mary Camden a qualche apparizione.[senza fonte] Nel 2001, lasciato Settimo cielo, la giovane attrice recita in Il sogno di una estate e Le regole dell'attrazione, film destinati a un pubblico giovane.

    Nel maggio del 2001 appare nel videoclip degli Aerosmith "Fly away from here". Nel 2002 diventa testimonial di L'Oreal, colosso di cosmetici. Nel 2003 accetta la parte di Erin, protagonista del remake di Non aprite quella porta.

    Dal 2004 recita in Blade: Trinity e Stealth - Arma suprema e ottiene ruoli secondari nei film Elizabethtown e Cellular. Dopo il drammatico The Illusionist - L'illusionista e il film d'azione fantascientifico Next, al fianco, rispettivamente, di Edward Norton e Nicolas Cage, ha ruoli da co-protagonista in due commedie, Io vi dichiaro marito e... marito (2007), regia di Dennis Dugan e in Un matrimonio all'inglese (2008), regia di Stephan Elliott. Prossimamente la vedremo nella commedia "New Year's Eve" di Garry Marshall,nel thriller-horror "The Tall Man",ed ha accettato la parte di Melina nel remake di "Total Recall" a fianco di Colin Farrell e Kate Beckinsale.

    Vita privata [modifica]

    È stata fidanzata per qualche anno con l'attore Chris Evans, che è stato suo collega nei film Cellular e London. È stata fidanzata con il cantante pop Justin Timberlake dal 2007, la cui relazione si è conclusa nel marzo 2011.[1][2]

    Filmografia [modifica]
    It's a Digital World, regia di Paul Greenberg (1994)
    L'oro di Ulisse (Ulee's Gold), regia di Victor Nuñez (1997)
    A casa per Natale (I'll Be Home for Christmas), regia di Arlene Sanford (1998)
    Il sogno di un'estate (Summer Catch), regia di Michael Tollin (2001)
    Le regole dell'attrazione (The Rules of Attraction), regia di Roger Avary (2002)
    Non aprite quella porta (The Texas Chainsaw Massacre), regia di Marcus Nispel (2003)
    Cellular, regia di David R. Ellis (2004)
    Blade: Trinity, regia di David S. Goyer (2004)
    Stealth - Arma suprema (Stealth), regia di Rob Cohen (2005)
    London, regia di Hunter Richards (2005)
    Elizabethtown, regia di Cameron Crowe (2005)
    The Illusionist - L'illusionista (The Illusionist), regia di Neil Burger (2006)
    Home of the Brave - Eroi senza gloria (Home of the Brave), regia di Irwin Winkler (2006)
    Next, regia di Lee Tamahori (2007)
    Io vi dichiaro marito e... marito (I Now Pronounce You Chuck and Larry), regia di Dennis Dugan (2007)
    Hole in the Paper Sky, regia di Bill Purple (2008) - Cortometraggio
    Un matrimonio all'inglese (Easy Virtue), regia di Stephan Elliott (2008)
    Powder Blue, regia di Timothy Linh Bui (2009)
    Planet 51, regia di Jorge Blanco, Javier Abad e Marcos Martínez (2009) - Voce
    Appuntamento con l'amore (Valentine's Day), regia di Garry Marshall (2010)
    A-Team (The A-Team), regia di Joe Carnahan (2010)
    The Tall Man, regia di Pascal Laugier (2011)
    New Year's Eve, regia di Garry Marshall (2011)
    Playing The Field, regia di Gabriele Muccino (2012)
    Total Recall, regia di Len Wiseman (2012)

    Doppiatrici italiane [modifica]
    Claudia Catani in Next
    Maria Letizia Scifoni in Cellular, Planet 51
    Ilaria Stagni in Settimo cielo, The Illusionist, Un matrimonio all'inglese
    Federica De Bortoli in A casa per Natale e A-Team
    Barbara De Bortoli in Non aprite quella porta, Stealth - Arma suprema
    Rossella Acerbo in Le regole dell'attrazione, Blade: Trinity, Io vi dichiaro marito e... marito
    Francesca Manicone in Elizabethtown
    Antonella Baldini in Appuntamento con l'amore

    Premi e titoli [modifica]
    1998: Young Artists Award - Miglior attrice giovane non protagonista in "L'oro di Ulisse"
    Il giornale Esquire la elegge "Donna più sexy" nel 2005
    Nel 2007, il magazine Stuff, stilando la classifica delle 100 donne più sexy del mondo, la pone al primo posto
    Nel 2008 si è classificata seconda nella classifica delle donne più sexy del mondo dietro Megan Fox in seguito ad una votazione promossa dalla rivista mensile internazionale FHM" — @grace-88
  • Gina Lollobrigida
    "Luigia Gina Lollobrigida (Subiaco, 4 luglio 1927) è un'attrice cinematografica italiana. È stata una delle attrici europee, oltre che sex symbol, più importanti a livello internazionale degli anni 1950 e 1960.

     

     

    Indice
    [nascondi] 1 Biografia
    2 Il cinema
    3 Il matrimonio
    4 A Hollywood
    5 Il successo
    6 Curiosità
    7 Riconoscimenti
    8 Filmografia 8.1 Doppiaggio

    9 Discografia parziale 9.1 45 giri
    9.2 EP
    9.3 45 giri pubblicati all'estero

    10 Onorificenze
    11 Note
    12 Altri progetti
    13 Collegamenti esterni

     
    Biografia [modifica]

    Nata a Subiaco, nel Lazio, il 4 luglio 1927, figlia di un benestante produttore di mobili che perse tutto a causa degli eventi bellici. Fin da piccola rivelò un carattere ambizioso, determinato, combattivo e non incline ai compromessi. Nel 1944, ancor prima dell'arrivo degli alleati, la famiglia si trasferì a Roma iscrivendo Gina all'Istituto di Belle Arti. Per mantenersi agli studi, Gina girò per i locali disegnando caricature col carboncino e posò per alcuni fotoromanzi, con lo pseudonimo di Diana Loris. Nel 1947 partecipò al concorso di Miss Italia classificandosi terza, dopo Lucia Bosè e Gianna Maria Canale, come lei future stelle del cinema italiano.

    È nipote di Chelidonia Merosi, supercentenaria, già decana d'Italia.

    Il cinema [modifica]

     

     

    Gina Lollobrigida premiata al Giffoni Film Festival nel 1989
    Nel frattempo, più per necessità che per passione, aveva già iniziato la carriera cinematografica, prima come comparsa e controfigura, e successivamente in piccoli ruoli di contorno nei popolari film operistici dell'immediato dopoguerra. Silvana Pampanini tuttora ricorda con malizia che fu lei a sceglierla per una particina in una pellicola di cui era protagonista.

    Il matrimonio [modifica]

    Nel gennaio 1949 sposò il medico sloveno Milko Skofic, che prestava servizio fra i profughi temporaneamente alloggiati a Cinecittà. Nell'agosto 1957 ebbero un figlio, Milko jr, che darà loro un nipote, Dimitri, nato nel 1994.

    A Hollywood [modifica]

    Nel 1950 Gina volò sola verso Hollywood, accettando l'invito del miliardario Howard Hughes, produttore e scopritore di dive come Jane Russell. Quando Gina scoprì che stava per essere chiusa in una gabbia dorata tornò precipitosamente a Roma. Il contratto in esclusiva che aveva già firmato le impedì fino al 1959 di lavorare in America, ma non in produzioni americane girate in Europa.

    Il successo [modifica]

    Arrivarono comunque i primi successi, fra i quali: Campane a martello di Luigi Zampa (1949), Achtung! Banditi! di Carlo Lizzani (1951) e soprattutto Fanfan la Tulipe di Christian-Jaque del 1952, che la consacrò star in Francia, mentre in Italia, nello stesso anno, conquistò una vasta popolarità con Altri tempi di Alessandro Blasetti, nell'episodio Il processo di Frine con Vittorio De Sica, che coniò per lei il neologismo "maggiorata".

    Nel 1953 interpretò, ancora al fianco di Vittorio De Sica, il ruolo della Bersagliera, premiato con il Nastro d'Argento, in Pane, amore e fantasia di Luigi Comencini, entrando definitivamente nell'immaginario collettivo grazie alla gradevole e spontanea caratterizzazione della bella popolana dal cuore d'oro. Raggiunti i vertici della notorietà, l'anno dopo, il 1954, girò un sequel altrettanto riuscito: Pane, amore e gelosia, ma nel 1955 rifiutò la terza puntata della serie e fu rimpiazzata da Sophia Loren, sua storica "rivale".

    I ruoli che seguirono sottolineano il tentativo di approfondimento drammatico delle sue interpretazioni, come in La provinciale di Mario Soldati, La romana di Luigi Zampa e Mare matto di Renato Castellani, che rimangono le sue prove migliori.

     

     

    Gina Lollobrigida in Salomone e la regina di Saba
    La seconda metà degli anni cinquanta e gli anni sessanta vedono la Lollo, come è soprannominata dalla stampa, protagonista di produzioni internazionali come Il tesoro dell'Africa di John Huston con Humphrey Bogart e Jennifer Jones, La donna più bella del mondo biografia che lei stessa produsse su Lina Cavalieri, con Vittorio Gassman, in cui dà una buona prova di cantante lirica e per cui vince un David di Donatello, Trapezio di Carol Reed accanto a Burt Lancaster e Tony Curtis, Il gobbo di Notre Dame (1956) dove interpreta una splendida e sensuale Esmeralda, accanto ad Anthony Quinn come Quasimodo, Sacro e profano di John Sturges, con a fianco Frank Sinatra, Salomone e la regina di Saba (1959) di King Vidor con Yul Brynner (che sostituì Tyrone Power morto durante le riprese), Torna a settembre con Rock Hudson per cui vince un Golden Globe, Venere imperiale di Jean Delannoy (1962) sulla vita di Paolina Borghese, che le fa aggiudicare un David di Donatello e un Nastro d'Argento, Strani compagni di letto (1964) di Melvin Frank di nuovo accanto a Rock Hudson, Buona Sera, Mrs. Campbell di Melvin Frank (1968), che le vale una nomination ai Golden Globes e un terzo David di Donatello ed altri successi. Tra i film che rifiutò, a volte all'ultimo momento: La signora senza camelie di Michelangelo Antonioni, Jovanka e le altre e Lady L. Fu sostituita rispettivamente da Lucia Bosè, Silvana Mangano e Sophia Loren. L'attrice afferma di avere ricevuto un'offerta per recitare in La dolce vita nel ruolo della fidanzata di Marcello Mastroianni, ma all'epoca il marito le nascose il copione.

    Creatrice e amministratrice della propria immagine, ha preferito affidarsi solo a se stessa; si è sempre truccata da sola e ha disegnato personalmente i suoi sontuosi abiti da sera. Per almeno 20 anni è stata uno dei principali simboli della bellezza italiana nel mondo e tra le pochissime attrici del Bel Paese che hanno mantenuto nel tempo un grande successo internazionale. Infatti, nel corso della sua lunga carriera, ha ottenuto circa 6.000 copertine sulle riviste di tutto il mondo.

    Nel 1971 divorziò dal marito, da cui viveva separata da almeno 5 anni,dato che lui aveva una relazione con la soprano nicaraguense Sumiva Moreno. Nel 1972 fu una gustosa Fata Turchina nel Pinocchio televisivo di Luigi Comencini. Ma da quell'anno iniziò a diradare le apparizioni per dedicarsi alla fotografia, pubblicando alcuni libri di reportage, e alla scultura, partecipando a esposizioni in tutto il mondo[senza fonte].

    Nel 1984 è nel cast del serial americano Falcon Crest: a quasi 60 anni, ancora in ottima forma e inguainata di rosso, balla la tarantella e si guadagna una terza nomination ai Golden Globes. Di qualche anno successivo è il remake televisivo de La romana diretto da Giuseppe Patroni Griffi, nel ruolo della madre della protagonista, interpretata da Francesca Dellera con cui litigò apertamente[1].

    Nel 1996 riceve il David di Donatello alla carriera e nel 2006 un riconoscimento speciale in occasione del cinquantenario del trofeo di cui era stata la prima vincitrice nel 1956.

    Nel 1999 si candida senza successo al Parlamento Europeo in una lista di centro-sinistra, I Democratici.

    Nell'ottobre 2006 dichiara inaspettatamente alla rivista spagnola Hola l'intenzione di sposarsi, dopo una relazione tenuta segreta per più di vent'anni, con l'imprenditore spagnolo Javier Rigau: lei ha 79 anni, lui 45. Ma il matrimonio salta a causa delle "pressioni della stampa"[2]. Il 26 marzo 2011 il quotidiano spagnolo El Mundo rilancia la notizia che la diva si sia segretamente sposata con Rigau a Barcellona nel novembre del 2010, sebbene nel registro civile della città catalana non vi sia riscontro del matrimonio[3].

    Nel 2011, dopo 14 anni di assenza nel cinema, torna sul grande schermo con una partecipazione del tutto straordinaria nel film Box Office 3D - Il film dei film, diretto e interpretato da Ezio Greggio. Alla fine dello stesso anno, per la prima volta insieme sul grande schermo Gina Lollobrigida e Sofia Loren sono tra le protagoniste del documentario Schuberth - L'atelier della dolce vita di Antonello Sarno.

    Curiosità [modifica]
    La locomotiva V 160.003 delle ferrovie tedesche (DB) era soprannominata Lollo per via delle "sporgenze" sulle due testate che ricordavano le "forme" dell'attrice.
    Prende il suo soprannome anche una varietà di insalata "riccia" definita appunto Lollo.
    In Francia l'espressione "lollobrigidien" è entrata nel vocabolario (si usa per indicare una strada o un'altura piena di curve).
    In America il suo arrivo fu salutato così dalla rivista "Time": "Gina Lollobrigida: le sette sillabe più famose d'Europa.
    Humphrey Bogart disse di lei: "In quanto a sex appeal, Gina fa sembrare Marilyn Monroe Shirley Temple".
    Coco Chanel disse di lei: "Gina è nata per indossare i miei tailleurs. È meglio delle mie mannequins".

    Riconoscimenti [modifica]
    David di Donatello 1956: migliore attrice protagonista (La donna più bella del mondo)
    1963: migliore attrice protagonista (Venere imperiale)
    1969: migliore attrice protagonista (Buona Sera, Mrs. Campbell)
    1986: Medaglia d'oro del Comune di Roma
    1996: David alla carriera
    2006: David del Cinquantenario
    Golden Globe
    Vinti:
    1961: Henrietta Award per Torna a settembre

    Nomination:
    1969: miglior attrice in un film commedia per Buona Sera, Mrs. Campbell
    1985: miglior attrice non protagonista in una serie per Falcon Crest
    Nastro d'Argento 1963: miglior attrice protagonista per Venere imperiale
    1953: miglior attrice protagonista per Pane, amore e fantasia

    Il 16 ottobre 1999 Gina Lollobrigida è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dell’Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura delle Nazioni Unite (FAO).

    Filmografia [modifica]

     

     

    Gina Lollobrigida, la regina di Saba, 1959 Lucia di Lammermoor, regia di Piero Ballerini (1946) (non accreditata)
    Aquila nera, regia di Riccardo Freda (1946)
    L'elisir d'amore, regia di Mario Costa (1946)
    Il segreto di don Giovanni, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
    Pagliacci, regia di Mario Costa (1947)
    Il delitto di Giovanni Episcopo, regia di Alberto Lattuada (1947)
    Vendetta nel sole (A Man About the House), regia di Leslie Arliss (1947)
    Follie per l'opera, regia di Mario Costa (1948)
    La sposa non può attendere, regia di Gianni Franciolini (1949)
    Cuori senza frontiere, regia di Luigi Zampa (1949)
    Campane a martello, regia di Luigi Zampa (1949)
    Vita da cani, regia di Mario Monicelli e Steno (1950)
    Miss Italia, regia di Duilio Coletti (1950)
    Alina, regia di Giorgio Pàstina (1950)
    Passaporto per l'oriente (A Tale of Five Cities) (1951)
    Enrico Caruso, leggenda di una voce, regia di Giacomo Gentilomo (1951)
    La città si difende, regia di Pietro Germi (1951)
    Amor non ho... però... però, regia di Giorgio Bianchi (1951)
    Achtung! Banditi!, regia di Carlo Lizzani (1951)
    Moglie per una notte, regia di Mario Camerini (1952)
    Altri tempi, episodio Il processo di Frine, regia di Alessandro Blasetti (1952)
    Fanfan la Tulipe, regia di Christian-Jaque (1952)
    Le belle della notte (Les Belles de nuit), regia di René Clair (1952)
    La provinciale, regia di Mario Soldati (1953)
    Pane, amore e fantasia, regia di Luigi Comencini (1953)
    Il maestro di Don Giovanni, regia di Milton Krims (1953)
    Le infedeli, regia di Mario Monicelli e Steno (1953)
    La romana, regia di Luigi Zampa (1954)
    Pane, amore e gelosia, regia di Luigi Comencini (1954)
    Il tesoro dell'Africa (Beat the Devil), regia di John Huston (1954)
    Il grande gioco (Le Grand jeu), regia di Robert Siodmak (1954)
    La donna più bella del mondo, regia di Robert Z. Leonard (1955)
    Trapezio (Trapeze), regia di Carol Reed (1956)
    Il gobbo di Notre Dame (Notre Dame de Paris), regia di Jean Delannoy (1956)
    La legge, regia di Jules Dassin (1958)
    Anna di Brooklyn, regia di Vittorio De Sica e Carlo Lastricati (1958)
    Sacro e profano (Never So Few), regia di John Sturges (1959)
    Salomone e la regina di Saba (Solomon and Sheba), regia di King Vidor (1959)
    Va nuda per il mondo (Go Naked in the World), regia di Ranald MacDougall (1961)
    Torna a settembre (Come September), regia di Robert Mulligan (1961)
    La bellezza di Ippolita, regia di Giancarlo Zagni (1962)
    Venere imperiale, regia di Jean Delannoy (1963)
    Mare matto, regia di Renato Castellani (1963)
    Strani compagni di letto (Strange Bedfellows), regia di Melvin Frank (1964)
    La donna di paglia (Woman of Straw), regia di Basil Dearden (1964)
    Io, io, io... e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1965)
    Le bambole (ep. Monsignor Cupido), regia di Mauro Bolognini (1965)
    L'amante italiana (Les Sultans), regia di Jean Delannoy (1966)
    Le piacevoli notti, regia di Armando Crispino e Luciano Lucignani (1966)
    Cervantes, regia di Vincent Sherman (1966)
    Hotel Paradiso, regia di Peter Glenville (1966)
    La morte ha fatto l'uovo, regia di Giulio Questi (1967)
    Stuntman, regia di Marcello Baldi (1968)
    Buona Sera, Mrs. Campbell, regia di Melvin Frank (1968)
    Mash, la guerra privata del sergente O'Farrell (The Private Navy of Sgt. O'Farrell), regia di Frank Tashlin (1968)
    Un bellissimo novembre, regia di Mauro Bolognini (1969)
    Stasera: Gina Lollobrigida RAI TV (1969)
    E continuavano a fregarsi il milione di dollari (Bad Man's River), regia di Eugenio Martín (1971)
    Peccato mortale, regia di Rovira Beleta (1972)
    Le avventure di Pinocchio, regia di Luigi Comencini (1972) sceneggiato TV
    King, Queen, Knave, regia di Jerzy Skolimowski (1973)
    Falcon Crest (1984) Serie TV
    Deceptions (1985) Film TV
    La romana, regia di Giuseppe Patroni Griffi (1988) Film TV
    Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
    Una donna in fuga (1996) Film TV
    XXL, regia di Ariel Zeitoun (1997)
    Gina Lollobrigida. Un simbolo italiano nel mondo, regia di Gina Lollobrigida (2008) Documentario
    Box Office 3D - Il film dei film, regia di Ezio Greggio (2011)
    Schuberth - L'atelier della dolce vita, regia di Antonello Sarno (2011) Documentario

    Doppiaggio [modifica]

    Gina Lollobrigida teneva, come è noto, a doppiare sé stessa nei suoi film internazionali (a differenza di Sophia Loren, ad esempio) e lo ha fatto sia in italiano che in francese. Tuttavia in alcune pellicole italiane precedenti la Lollo non recita con la sua voce. Grazie al mondo dei doppiatori e fonti similari, segnaliamo le voci di:
    Dhia Cristiani in Enrico Caruso, leggenda di una voce, Miss Italia, Anselmo ha fretta
    Adriana Parrella in Fanfan la Tulipe, Le belle di notte, Vita da cani
    Lydia Simoneschi in Cuori senza frontiere, La città si difende
    Rosetta Calavetta in Follie per l'opera, Achtung! Banditi!
    Andreina Pagnani in Campane a martello
    Clara Bindi in Altri tempi

    Come segnalato, in Enrico Caruso, leggenda di una voce è doppiata da Dhia Cristiani, ma Gina stessa è nelle vesti di doppiatrice (solo per il canto) del piccolo Maurizio Di Nardo che interpreta Caruso da bambino.

    Fra i film americani in cui Gina provvide a doppiarsi nella sua lingua madre compariva anche Il tesoro dell'Africa, oggi però ridoppiato.

    Discografia parziale [modifica]

    45 giri [modifica]
    1969: Roma, Roma, Roma/Fra te e me confidenzialmente (Carosello, CI 20233)
    1971: Nel mio orto/Prendimi tu (RCA Italiana, PM 3623)

    EP [modifica]
    1955: ‘a frangesa/Ideale/La spagnola/Pourquois ne pas m’aimer?/Vissi d'arte (Fono Film Ricordi, R-0003)

    45 giri pubblicati all'estero [modifica]
    1969: Roma, Roma, Roma/Fra te e me confidenzialmente (Belter, 07.637)

    Onorificenze [modifica]

     

     

    Accademico d'Onore dell'Accademia delle Arti del Disegno

     

     
    — Firenze[4]

     

     

     
    Grand'Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana

     

     
    — Roma, 27 aprile 1987. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[5]

     

     

     
    Ufficiale dell'Ordre des Arts et des Lettres

     

     
    — Parigi, 1985." — @grace-88
  • Natalie Portman
    "Natalie Portman (ebraico נטלי פורטמן), nata Natalie Hershlag[1][2] (ebraico נטלי הרשלג) (Gerusalemme, 9 giugno 1981) è un'attrice israeliana naturalizzata statunitense.

    Il suo primo ruolo di attrice fu quello di un'orfana salvata da un killer professionista nel film d'azione francese del 1994 Léon. Negli anni novanta ottenne ruoli più importanti in film come Beautiful Girls e La mia adorabile nemica (Anywhere but here), prima di interpretare Padmé Amidala nel primo film della nuova trilogia di Guerre stellari.[3] Nel 1999 si iscrisse alla Harvard University per studiare psicologia.[4] Ha ottenuto la laurea nel 2003.

    Nel 2001, la Portman partecipò alla produzione de Il gabbiano di Anton Chekhov al New York City's Public Theater al fianco di Meryl Streep, Kevin Kline e Philip Seymour Hoffman.[3] Nel 2005 ricevette una nomination agli Oscar alla migliore attrice non protagonista, vincendo un Golden Globe per la migliore attrice non protagonista per il film Closer. Per interpretare Evey nel film V per Vendetta (2006) si rasò la testa e imparò a parlare con un accento inglese. Per questo film vinse un Constellation Award per la Migliore interpretazione femminile e un Saturn Award per la Miglior attrice. Ha interpretato ruoli principali nei film drammatici L'ultimo inquisitore (Goya's Ghosts, 2006) e L'altra donna del re (The Other Boleyn Girl, 2008). Nel maggio 2008 ha fatto parte della giuria del 61esimo Festival di Cannes come membro più giovane.[5] Il film Eve, suo debutto come regista, ha aperto il concorso dei cortometraggi alla 65esima edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[6]

    Nel 2011, ha vinto un Golden Globe per la Miglior attrice in un film drammatico, uno Screen Actors Guild Award per la Migliore attrice cinematografica e la sera del 27 febbraio 2011, il Premio Oscar per la sua interpretazione ne Il cigno nero.

     

     

    Indice
    [nascondi] 1 Biografia 1.1 Le origini
    1.2 Gli inizi
    1.3 Gli studi e il teatro
    1.4 Il grande successo

    2 Cause politiche e sociali
    3 Vita privata
    4 Filmografia 4.1 Attrice 4.1.1 Cortometraggi
    4.1.2 Filmografia

    4.2 Regista e sceneggiatrice
    4.3 Produttrice

    5 Doppiatrici italiane
    6 Premi 6.1 Vinti
    6.2 Nomination

    7 Curiosità
    8 Note
    9 Altri progetti
    10 Collegamenti esterni

     
    Biografia [modifica]

    Le origini [modifica]

    Natalie Portman nasce a Gerusalemme[7][8][9]il 9 giugno 1981 da Avner Hershlag,[10] medico israeliano specialista della fertilità,[10][11] e da Shelley Stevens,[10][12] casalinga di origini americane che successivamente le farà da agente. All'età di tre anni si trasferisce con la famiglia a Washington e successivamente a Syosset, centro di 12.000 abitanti su Long Island (NY), dove si stabilisce definitivamente. Sempre in questa città frequenta la Syosset High School dove riscuote buoni voti soprattutto in matematica. È vegana, parla correntemente l'ebraico e l'inglese, conosce il francese, il tedesco, il giapponese e da alcuni anni si dedica allo studio dell'arabo.

     

     

    Natalie Portman nel 2009
    Gli inizi [modifica]

    Inizia a studiare danza all'età di quattro anni. Inizia la carriera come modella, ma nel 1994 le viene offerta una parte da protagonista nel film Léon di Luc Besson. Quel film le frutterà altri lavori di recitazione (che svolgerà durante il periodo estivo, per non rinunciare a scuola ed università). I film in cui appare in questo periodo sono: Heat - La sfida (1995) di Michael Mann, con Al Pacino e Robert De Niro, Tutti dicono I Love You (1996) di Woody Allen, con Edward Norton e Drew Barrymore, e Mars Attacks! (1996) di Tim Burton, con Jack Nicholson e Glenn Close.

    È un'attrice attenta alla scelta delle parti che interpreta[13], per questa ragione rifiutò alcuni ruoli quali Wendy in Tempesta di ghiaccio (1997) di Ang Lee, (poi affidata a Christina Ricci), Lolita (1997) di Adrian Lyne[13]. Rifiutò di prendere parte a Romeo + Giulietta di William Shakespeare (1997) di Baz Luhrmann, perché riteneva che le scene di sesso del film fossero troppo forti per una ragazza della sua età.

    Gli studi e il teatro [modifica]

    Per quasi tre anni non appare più in alcun film decidendo di dedicarsi pienamente allo studio ed al teatro. Nel 1998 lavora nella recita teatrale The Diary of Anne Frank e per fare ciò rifiuta una parte in L'uomo che sussurrava ai cavalli (1998) di Robert Redford; in compenso, con la recita, guadagna una candidatura ai Tony Awards. Successivamente, conclusa la scuola, si iscrive all'Università di Harvard per studiare psicologia e recitazione alla Stagedoor Manor Performing Arts Camp.

    Il grande successo [modifica]

    Rientra nel mondo del cinema interpretando la Regina Amidala in Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (1999) di George Lucas, per il quale ottiene un immediato successo e, nello stesso anno, riceve la parte da protagonista in La mia adorabile nemica (1999) di Wayne Wang, in cui recita al fianco di Susan Sarandon.

    Nel 2002 continua con Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni in cui interpreta la senatrice Amidala e nel 2003 si laurea in psicologia dopo essere comparsa in Ritorno a Cold Mountain. Nello stesso anno viene eletta ambasciatrice per l'infanzia per l'ONU.

    Continua ad avere successo apparendo in diversi film di buon livello, come La mia vita a Garden State (2004) di Zach Braff e Closer (2004), al fianco di Jude Law, Clive Owen e Julia Roberts, per cui guadagna un Golden Globe e una candidatura all'Oscar.

     

     

    Natalie Portman nel 2005.
    Conclude la saga di George Lucas con Star Wars Episodio III - La vendetta dei Sith (2005). I suoi ultimi lavori sono stati V per Vendetta di James McTeigue, tratto dal popolare fumetto di Alan Moore, e L'ultimo inquisitore, con Javier Bardem, in cui interpreta la musa ispiratrice del pittore spagnolo Francisco Goya. Nello stesso anno interpreta la parte di una ragazza israeliana in fuga da Gerusalemme nel film indipendente Free Zone, diretto dal regista Amos Gitai, in concorso al Festival di Cannes 2005, nella sezione Cinema dal Mondo.

    Nel 2007 interpreta, con Jason Schwartzman, Hotel Chevalier, prologo di 12 minuti del film Il treno per il Darjeeling di Wes Anderson. In Hotel Chevalier appare per la prima volta sullo schermo senza veli.

    Nel 2008 partecipa al film Mr. Magorium e la bottega delle meraviglie, al fianco di Dustin Hoffman, in Un bacio romantico - My Blueberry Nights di Wong Kar-wai, e in L'altra donna del re, film tratto dal romanzo di Philippa Gregory e presentato al Festival di Berlino, in cui interpreta il ruolo di Anna Bolena.

    Nel mese di maggio del 2009 viene invitata alla 61ª edizione del Festival di Cannes, questa volta come secondo membro della giuria, insieme a Sean Penn.

    Fa inoltre parte del cast all star della serie di corti New York, I Love You, uscito in USA nel 2009, che vede, tra gli altri anche il suo ex compagno di set in Star Wars, Hayden Christensen. Oltre a recitare, in New York, I Love You, ha diretto e scritto uno dei corti: è da notare che l'attrice israeliana ha diretto anche un altro corto Eve che è stato presentato alla Mostra del Cinema di Venezia del 2008.

    Nel dicembre 2009 è nel cast di Brothers, di Jim Sheridan, al fianco di Tobey Maguire e Jake Gyllenhaal.

    Nel 2010 ha partecipato alle riprese di Thor di Kenneth Branagh, tratto dal famoso fumetto, dove interpreta Jane Foster. Al suo fianco Anthony Hopkins, Stuart Townsend, Ray Stevenson, Idris Elba e Tadanobu Asano.

    Sempre nel 2010 viene presentato a Venezia Il cigno nero, in cui interpreta una ballerina di danza classica che deve modificare la sua tecnica ed il suo stesso carattere al fine di poter ballare ne Il lago dei cigni. Grazie a questa interpretazione ai Premi Oscar 2011 vince l'Academy Award come migliore attrice protagonista.

    Cause politiche e sociali [modifica]

     

     

    Portman alla Toronto International Film Festival 2010 per la presentazione Cigno Nero - Black Swan
    Natalie Portman, accanita sostenitrice dei diritti degli animali, è vegetariana sin dall'infanzia.[14] Nel 2009, dopo aver letto il libro Se niente importa (Eating animals) di Jonathan Safran Foer, è diventata vegana.[15] Non mangia né carne animale, né prodotti derivati e tantomeno veste abiti di cuoio, piume o pelliccia. "Tutte le mie scarpe sono prodotte dalla Target o da Stella McCartney".[16] Nel 2007 ha lanciato il suo marchio di scarpe vegane.[17]

    Sempre nel 2007 ha viaggiato in Rwanda con Jack Hanna per le riprese del documentario Gorillas on the Brink. Qualche tempo dopo, ad una naming ceremony (una sorta di battesimo laico), Natalie ha battezzato un gorilla dandogli il nome di "Gukina", che significa "giocare".[18] È un'accanita ambientalista sin dall'infanzia, quando è entrata nella "World Patrol Kids", una compagnia teatrale composta da ambientalisti.[19] È anche membro del movimento OneVoice[20]

    Supporta anche attività contro la fame nel mondo e la povertà. Tra il 2004 e il 2005 ha viaggiato in Uganda, Guatemala e Ecuador come Ambasciatrice della Speranza per la FINCA International, un'organizzazione che promuove il microcredito per aiutare le aziende possedute da donne nei paesi in via di sviluppo.[21] In un'intervista condotta nel backstage del concerto Live 8 a Philadelphia e nell'apparizione al programma Foreign Exchange della PBS ha discusso di microfinanza.[22] Il conduttore Fareed Zakaria ha affermato di essere "generalmente diffidente delle celebrità che sostengono cause alla moda", ma ha incluso la parte con la Portman perché l'attrice "sa di cosa parla".[23]

    Nella sezione "Voices" dell'episodio del 29 aprile 2007 del programma della ABC "This week", Natalie ha parlato del suo lavoro con la FINCA e di come aiuta donne e bambini nei paesi del Terzo mondo.[24] Nell'autunno 2007 ha visitato molte università, tra cui Harvard, l'Università della California del Sud, l'Università della California a Los Angeles, Berkeley, Stanford, Princeton, la New York University e la Columbia, per ispirare gli studenti alla filosofia della microfinanza e per incoraggiarli ad unirsi alla Village Banking Campaign della FINCA per aiutare famiglie e comunità ad uscire dalla povertà.[25]

    Per il suo attivismo e per la sua popolarità tra i giovani nel 2010 ha ottenuto una nomination ai Do Something Awards della VH1, creati per onorare persone che fanno il bene.[26]

    Natalie Portman sostiene il Partito Democratico degli Stati Uniti d'America e nelle elezioni presidenziali del 2004 ha fatto una campagna in favore del candidato democratico, il senatore John Kerry. Nelle elezioni del 2008, ha sostenuto la senatrice Hillary Clinton alle primarie, per poi attivarsi a favore del candidato democratico Barack Obama.[27] Tuttavia, in un'intervista del 2008 ha dichiarato: "Mi piace anche John McCain. Non sono d'accordo con la sua presa di posizione sulla guerra - che è un grosso affare - ma penso che sia una persona onesta".[28]

    Vita privata [modifica]

    Nell'edizione di maggio 2002 della rivista Vogue america, Natalie Portman definì l'attore/musicista Lukas Haas e il musicista Moby come le persone a lei più vicine.[29] Dopo aver partecipato al video della sua canzone "Carmensita" (Aprile 2008), iniziò una relazione con il cantante folk Devendra Banhart,[30] finita nel Settembre 2008.[31] Nel tardo 2009 incontrò il ballerino classico Benjamin Millepied sul set del suo film Il cigno nero, nel quale Millepied interpreta un coreografo.[32] I due si frequentano regolarmente da almeno la notte di capodanno del 2009.[33] Il 27 dicembre 2010 un portavoce ha riferito alla stampa che Natalie Portman e Benjamin Millepied sono fidanzati. In seguito hanno avuto un figlio, Aleph, nato il 14 giugno 2011.[34]

    Sul concetto di aldilà, la Portman ha detto: "Non ci credo. Penso che sia tutto qui e penso che questo sia il miglior modo per vivere."[35][36] Ha riferito di sentirsi più ebrea in Israele e che vorrebbe crescere i suoi bambini secondo la religione ebraica: "Una delle mie priorità è senza dubbio crescere come Ebrei i miei figli, ma la cosa fondamentale è avere qualcuno che sia un partner ma anche una brava persona."[37]

    Filmografia [modifica]

    Attrice [modifica]

    Cortometraggi [modifica]
    Developing, regia di Marya Cohn (1994)
    True, regia di Tom Tykwer (2004)
    Faubourg Saint-Denis (X arrondissement) (10e arrondissement (Faubourg Saint-Denis)), episodio di Paris, je t'aime, regia di Tom Tykwer (2005)
    Hotel Chevalier, regia di Wes Anderson (2007)
    Natalie Portman, episodio di New York, I Love You, regia di Natalie Portman (2009)

    Filmografia [modifica]
    Léon, regia di Luc Besson (1994)
    Heat - La sfida (Heat), regia di Michael Mann (1995)
    Beautiful Girls, regia di Ted Demme (1996)
    Tutti dicono I Love You (Everyone Says I Love You), regia di Woody Allen (1996)
    Mars Attacks!, regia di Tim Burton (1996)
    Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (Star Wars Episode I: The Phantom Menace), regia di George Lucas (1999)
    La mia adorabile nemica (Anywhere but Here), regia di Wayne Wang (1999)
    Qui, dove batte il cuore (Where the Heart Is), regia di Matt Williams (2000)
    Zoolander, regia di Ben Stiller (2001) - Cameo
    Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni (Star Wars Episode II: Attack of the Clones), regia di George Lucas (2002)
    Ritorno a Cold Mountain (Cold Mountain), regia di Anthony Minghella (2003)
    La mia vita a Garden State (Garden State), regia di Zach Braff (2004)
    Closer, regia di Mike Nichols (2004)
    Domino One, regia di Nick Louvel (2005)
    Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith (Star Wars Episode III: Revenge of the Sith), regia di George Lucas (2005)
    Free Zone, regia di Amos Gitai (2005)
    V per Vendetta (V for Vendetta), regia di James McTeigue (2005)
    Paris, je t'aime, 2006
    L'ultimo inquisitore (Goya's Ghosts), regia di Miloš Forman (2006)
    Un bacio romantico - My Blueberry Nights (My Blueberry Nights), regia di Wong Kar-wai (2007)
    Il treno per il Darjeeling (The Darjeeling Limited), regia di Wes Anderson (2007) - Cameo
    Mr. Magorium e la bottega delle meraviglie (Mr. Magorium's Wonder Emporium), regia di Zach Helm (2007)
    L'altra donna del re (The Other Boleyn Girl), regia di Justin Chadwick (2008)
    L'amore e altri luoghi impossibili (Love and Other Impossible Pursuits), regia di Don Roos (2009)
    Brothers, regia di Jim Sheridan (2009)
    Il cigno nero (Black Swan), regia di Darren Aronofsky (2010)
    Hesher - Bastardo dentro (Hesher), regia di Spencer Susser (2010)
    Your Highness, regia di David Gordon Green (2011)
    Amici, amanti e... (No Strings Attached), regia di Ivan Reitman (2011)
    Thor, regia di Kenneth Branagh (2011)

    Regista e sceneggiatrice [modifica]
    Eve (2008) - Cortometraggio
    Natalie Portman, episodio di New York, I Love You (2009)

    Produttrice [modifica]
    L'amore e altri luoghi impossibili (Love and Other Impossible Pursuits), regia di Don Roos (2009)

    Doppiatrici italiane [modifica]
    Federica De Bortoli in: Heat - La sfida, Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma, Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni, Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith, La mia vita a Garden State, Hotel Chevalier, Il treno per il Darjeeling, L'amore e altri luoghi impossibili, Il cigno nero, Your Highness
    Valentina Mari in: Léon, Tutti dicono I Love You, Mars Attacks!, Qui, dove batte il cuore, Ritorno a Cold Mountain, L'altra donna del re, Amici, amanti e..., Thor
    Ilaria Stagni in: Closer, L'ultimo inquisitore, Mr. Magorium e la bottega delle meraviglie
    Connie Bismuto in: V per Vendetta e Brothers
    Federica Bomba in: Beautiful Girls
    Barbara De Bortoli in: Un bacio romantico
    Myriam Catania in: La mia adorabile nemica

    Premi [modifica]

     

     

    Natalie Portman al Toronto International Film Festival 2009 per la première di L'amore e altri luoghi impossibili
    Vinti [modifica]
    2002 – Teen Choice Awards, Miglior Attrice in un film drammatico/d'azione: Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni
    2004 – National Board of Review of Motion Pictures, Miglior insieme di attori: Closer (condiviso con Jude Law, Clive Owen e Julia Roberts)[38]
    2004 – San Diego Film Critics Society, Miglior attrice non protagonista: Closer[39]
    2005 – Golden Globe Award, Miglior attrice non protagonista: Closer[40]
    2007 – Saturn Award, Miglior Attrice: V per Vendetta[41]
    2010 – Boston Society of Film Critics, Miglior Attrice: Cigno nero - Black swan[42]
    2010 – New York Film Critics Online, Miglior Attrice: Cigno nero - Black swan[43]
    2010 – Online Film Critics Society, Miglior attrice: Cigno nero - Black swan[44]
    2011 – Broadcast Film Critics Association Awards, Miglior Attrice: Black Swan[45]
    2011 – Golden Globe Awards, Migliore attrice in un film drammatico: Cigno nero - Black swan[46]
    2011 – Screen Actors Guild Awards, Migliore attrice protagonista in un ruolo principale: Cigno Nero - Black Swan[47]
    2011 – Premio BAFTA, Migliore attrice protagonista: Cigno Nero - Black Swan[48]
    2011 – Independent Spirit Awards, Miglior protagonista femminile: Cigno Nero - Black Swan[49]
    2011 - Academy Award, miglior attrice protagonista: Il cigno nero

    Nomination [modifica]
    1996 – Chicago Film Critics Association, Miglior attrice non protagonista: Beautiful Girls; Attrice più promettente: Beautiful Girls
    1999 – Golden Raspberry Award, Peggiore coppia sullo schermo: Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (condiviso con Jake Lloyd)
    2000 – Golden Globe Award, Miglior attrice non protagonista: La mia adorabile nemica (Anywhere but Here)
    2000 – Saturn Award, Migliore attrice emergente: Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma
    2000 – Teen Choice Awards, Miglior attrice: Qui, dove batte il cuore (Where the hearth is)
    2000 – Young Artist Award, Miglior attrice emergente: La mia adorabile nemica
    2001 – Young Artist Award, Miglior attrice emergente: Qui, dove batte il cuore
    2002 – Teen Choice Awards, Miglior alchimia: Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni (condivisa con Hayden Christensen)
    2003 – Golden Raspberry Awards, Peggior attrice non protagonista: Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni; Peggiore coppia sullo schermo: Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni (condivisa con Hayden Christensen)
    2003 – Saturn Award, Miglior attrice: Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni
    2005 – Academy Award (Premi Oscar), Miglior attrice non protagonista: Closer
    2005 – BAFTA Awards, Miglior attrice non protagonista: Closer
    2005 – Broadcast Film Critics Association Awards, Miglior attrice non protagonista: Closer; Miglior insieme di attori: Closer (condivisa con Jude Law, Clive Owen, e Julia Roberts)
    2005 – Irish Film and Television Awards, Miglior attrice Internazionale: La mia vita a Garden State (Garden State)
    2005 – London Film Critics' Circle, Attrice dell'anno: Closer
    2005 – MTV Movie Awards, Migliore performance femminile: La mia vita a Garden State; Miglior Bacio: Garden State (condiviso con Zach Braff)
    2005 – Online Film Critics Society, Migliore attrice non protagonista: Closer
    2005 – People's Choice Awards, Favorite Leading Lady
    2005 – Satellite Award, Migliore attrice non protagonista in un film drammatico: Closer; Migliore attrice in una commedia/musical: La mia vita Garden State
    2005 – Teen Choice Awards, Miglior attrice in un film drammatico: Closer, La mia vita a Garden State; Miglior attrice in un film d'azione/avventura: Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith; Migliore bugiarda, La mia vita a Garden State; Choice Movie Liplock: La mia vita a Garden State; Migliore scena d'amore: La mia vita a Garden State
    2005 – Vancouver Film Critics Circle, Migliore attrice non protagonista: Closer, La mia vita a Garden State
    2006 – Saturn Award, Miglior attrice: Star Wars: Episodio III- La vendetta dei Sith
    2006 – Teen Choice Awards, Miglior attrice in un film drammatico/azione e avventura:V per Vendetta
    2009 – Chicago Film Critics Association, Miglior attrice non protagonista: Brothers
    2010 – Saturn Awards, Miglior attrice: Brothers
    2010 – Satellite Awards, Miglior attrice in un film drammatico: Cigno Nero - Black Swan
    2010 – Washington D.C. Area Film Critics Association, Miglior attrice: Cigno Nero - Black Swan
    2011 – Alliance of Women Film Journalists, Miglior attrice: Cigno Nero - Black Swan
    2011 – London Film Critics' Circle, Attrice dell'anno: Cigno Nero - Black Swan
    2011 – Toronto Film Critics Association, Miglior attrice: Cigno Nero - Black Swan
    2011 – Vancouver Film Critics Circle, Miglior attrice: Cigno Nero - Black Swan" — @grace-88
  • Scarlett Johansson
    "Primi anni [modifica]

    Nasce a New York il 22 novembre 1984 da Karsten Johansson, un architetto danese figlio del regista e sceneggiatore Ejner Johansson, e Melanie Sloan, statunitense, nata nel Bronx da famiglia ebraica ashkenazita. All'età di tre anni Scarlett già sogna di diventare attrice, ma soltanto quattro anni dopo inizia a rendersi conto che quello dell'interprete può diventare, più che un gioco, una vera professione, ed infatti inizia a prendere parte ai primi provini per spot televisivi, anche se i pubblicitari le preferiscono suo fratello, provocandole un forte senso di delusione.

    In seguito sua madre capisce che la sua bambina è davvero interessata a fare l'attrice nonostante la giovanissima età, e pertanto inizia a portarla anche ai provini per le produzioni cinematografiche e teatrali, e ad otto anni Scarlett calca le scene insieme a Ethan Hawke nella pièce teatrale Sofistry.

    Il successo e la consacrazione [modifica]

    Dal 1994 inizia ad apparire in piccoli ruoli in film come Genitori cercasi, Appuntamento col ponte e La giusta causa : quindi comincia a farsi conoscere al pubblico con il suo ruolo di Amanda in Manny & Lo, nel 1997 appare in Mamma ho preso il morbillo e infine si impone all'attenzione del pubblico internazionale con la sua interpretazione nel film L'uomo che sussurrava ai cavalli.

    Nel 2000 recita in Ghost World, quindi ne L'uomo che non c'era, e nel 2002 - l'anno in cui consegue il diploma - è nel cast di Arac Attack - Mostri a otto zampe, ispirato alla fantascienza-horror degli anni cinquanta. Il 2003 è l'anno della definitiva consacrazione: gira due film Lost in Translation - L'amore tradotto e La ragazza con l'orecchino di perla e ottiene due candidature ai Golden Globe, nelle categorie per la migliore attrice in un film commedia o musicale e per la migliore attrice in un film drammatico.

    Nel 2004 è nel cast del film Una canzone per Bobby Long, accanto a John Travolta, pellicola che la giovane Johansson desiderava interpretare da cinque anni. Il film le fa ottenere la terza candidatura ai Golden Globe. Da allora è sulla cresta dell'onda, tra gossip, campagne pubblicitarie (Louis Vuitton, Calvin Klein) e altri progetti cinematografici che la vedono diretta da registi del calibro di Woody Allen e Brian De Palma.

    Quattro le nomination ai Golden Globes per la migliore interpretazione femminile: nel 2003 Lost in Translation e La ragazza con l'orecchino di perla, nel 2004 per Una canzone per Bobby Long, nel 2005 per Match Point, film che le varrà però il premio IOMA come migliore attrice non protagonista.

    Lavori recenti [modifica]

     

     

    Scarlett Johansson al concerto per il Premio Nobel per la Pace insieme a Michael Caine (2008).
    Nel 2005, accanto a Ewan McGregor, interpreta il fantascientifico The Island diretto da Michael Bay. Lavora poi proprio con Allen in Match Point, colpendo in particolar modo il regista che la sceglie anche per i suoi film successivi e le fa ottenere la quarta nomination ai Golden Globe, Scoop (2006), del quale è protagonista accanto allo stesso regista newyorkese e a Hugh Jackman e Vicky Cristina Barcelona, accanto a Penélope Cruz. Woody Allen stesso ha confermato che lavoreranno spesso anche in futuro, portando quindi a pensare alla Johansson come la sua nuova musa. A tal proposito l'attrice stessa ha dichiarato:

     

     
    « Entrambi pensiamo che il termine [musa] sia davvero bizzarro. Non è che quando arrivo io porto l'ispirazione e lui perde il "blocco dello scrittore". È solo che ci piace lavorare assieme, lavoriamo facilmente e abbiamo un piacevolissimo rapporto d'amicizia. Nulla di più. »

     

     

    (la Repubblica, 25 agosto 2007)

     
    Il successo la porta a ritmi di lavoro frenetici e completa nel solo 2006 quattro diversi progetti: oltre alla commedia di Allen, Black Dahlia di Brian De Palma, The Prestige di Christopher Nolan e Il diario di una tata (2007). L'attrice veste anche i panni di Maria Bolena nel film L'altra donna del re per la quale interpretazione ottiene una candidatura ai Teen Choice Awards 2008.

    Durante le primarie per le elezioni presidenziali statunitensi del 2008 si è schierata come sostenitrice del candidato democratico Barack Obama[1] partecipando anche alla realizzazione del video musicale di propaganda Yes We Can insieme ad altri artisti internazionali.

    Carriera musicale [modifica]

    Dopo essere apparsa nei videoclip When the Deal Goes Down di Bob Dylan e What Goes Around... Comes Around di Justin Timberlake, e dopo essere salita sul palco del Coachella 2007 al fianco dei The Jesus and Mary Chain, l'attrice ha pubblicato un album composto da cover di Tom Waits, totalmente interpretate da lei. L'album, intitolato Anywhere I Lay My Head, è uscito il 20 maggio 2008[2] ed è stato accolto con poco entusiasmo dalla critica, ricevendo un totale di 59 su 100 su Metacritic[3]. L'album vede la partecipazione di David Bowie in due brani.

    A proposito della scelta di incidere l'album l'attrice ha dichiarato:

     

     
    « Amo la musica di Tom [Tom Waits] e avendo un'occasione d'oro come quella di poter fare un disco mi è sembrato naturale provare a realizzare un sogno. »

     

     

    (la Repubblica, 25 agosto 2007)

     
    Nel 2009 ha inciso una cover della canzone di Jeff Buckley Last Goodbye per la colonna sonora del film La verità è che non gli piaci abbastanza. L'8 settembre 2009 è uscito un album collaborativo inciso con il cantautore Pete Yorn intitolato Break Up, ispirato dai duetti di Serge Gainsbourg con Brigitte Bardot.

    Le sono state dedicate due canzoni: la prima da un gruppo francese, The Teenagers, dal titolo di Starlett Johansson, la seconda dai Jai Alai Savant, dal titolo Scarlett Johansson Why Don't You Love Me?.

    Vita privata [modifica]

    Il 27 settembre 2008 si è sposata con l'attore Ryan Reynolds durante una cerimonia avvenuta in comune in gran segreto in Canada. La coppia si è separata nel dicembre 2010[4][5].

    Filmografia [modifica]

    Attrice [modifica]
    Genitori cercasi (North), regia di Rob Reiner (1994)
    La giusta causa (Just Cause), regia di Arne Glimcher (1995)
    Appuntamento col ponte (If Lucy Fell), regia di Eric Schaeffer (1996)
    Manny & Lo, regia di Lisa Krueger (1996)
    Felicità rubata (Fall), regia di Eric Schaeffer (1997)
    Mamma ho preso il morbillo (Home Alone 3), regia di Raja Gosnell (1997)
    L'uomo che sussurrava ai cavalli (The Horse Whisperer), regia di Robert Redford (1998)
    Mio fratello maialino (My Brother the Pig), regia di Erik Fleming (1999)
    L'uomo che non c'era (The Man Who Wasn't There), regia di Ethan e Joel Coen (2001)
    Ghost World, regia di Terry Zwigoff (2001)
    In fuga per la libertà (An American Rhapsody), regia di Éva Gárdos (2001)
    Arac Attack - Mostri a otto zampe (Eight Legged Freaks), regia di Ellory Elkayem (2002)
    Lost in Translation - L'amore tradotto (Lost in Translation), regia di Sofia Coppola (2003)
    La ragazza con l'orecchino di perla (Girl with a Pearl Earring), regia di Peter Webber (2003)
    Perfect Score (The Perfect Score), regia di Brian Robbins (2004)
    Una canzone per Bobby Long (A Love Song for Bobby Long), regia di Shainee Gabel (2004)
    Le seduttrici (A Good Woman), regia di Mike Barker (2004)
    Spongebob - Il film (The SpongeBob SquarePants Movie), regia di Stephen Hillenburg (2004) - Voce
    In Good Company, regia di Paul Weitz (2004)
    Match Point, regia di Woody Allen (2005)
    The Island, regia di Michael Bay (2005)
    Scoop, regia di Woody Allen (2006)
    The Black Dahlia, regia di Brian De Palma (2006)
    The Prestige, regia di Christopher Nolan (2006)
    Il diario di una tata (The Nanny Diaries), regia di Shari Springer Berman e Robert Pulcini (2007)
    L'altra donna del re (The Other Boleyn Girl), regia di Justin Chadwick (2008)
    Vicky Cristina Barcelona, regia di Woody Allen (2008)
    The Spirit, regia di Frank Miller (2008)
    La verità è che non gli piaci abbastanza (He's Just Not That Into You), regia di Ken Kwapis (2009)
    Iron Man 2, regia di Jon Favreau (2010)
    We Bought a Zoo, regia di Cameron Crowe (2011)
    The Avengers, regia di Joss Whedon (2012)

    Discografia [modifica]

    Album [modifica]
    Anywhere I Lay My Head (2008)
    Break Up con Pete Yorn (2009)

    Doppiatrici italiane [modifica]
    Perla Liberatori in: Lost in Translation - L'amore tradotto, La ragazza con l'orecchino di perla, Una canzone per Bobby Long, Il diario di una tata, L'altra donna del re e Mamma ho preso il morbillo.
    Ilaria Stagni in: Match Point, Scoop, Black Dahlia, Vicky Cristina Barcelona
    Domitilla D'Amico in: La giusta causa, L'uomo che sussurrava ai cavalli, La verità è che non gli piaci abbastanza, Iron Man 2
    Alessia Amendola in: Arac Attack - Mostri a otto zampe
    Connie Bismuto in: The Island
    Monica Bertolotti in: Ghost World
    Ilaria Latini in: Perfect Score
    Cristina Giachero in: L'uomo che non c'era
    Barbara De Bortoli in: The Prestige
    Rossella Acerbo in: The Spirit" — @grace-88
  • Candice no.5
    No item description
  • Keira Knightley
    "Keira Christina Knightley (Teddington, 26 marzo 1985) è un'attrice britannica.

    È stata candidata agli Oscar, ai Golden Globe e ai BAFTA come attrice protagonista. La sua carriera comincia sin da bambina, con piccoli ruoli in produzioni perlopiù televisive, ma è nel 2002 che diventa nota internazionalmente grazie all'inaspettato successo della commedia inglese Sognando Beckham e ancor più l'anno seguente, co-protagonista accanto a Johnny Depp e Orlando Bloom del film dal grande successo commerciale La maledizione della prima luna. Da quel momento la Knightley ha acquisito sempre maggiore popolarità dimostrando anche grandi capacità interpretative, diventando una delle più promettenti attrici del panorama britannico. Ha ottenuto infatti, a soli 21 anni, una nomination agli Oscar per il ruolo di Elizabeth Bennet nel film Orgoglio e pregiudizio.

     

     

    Indice
    [nascondi] 1 Biografia 1.1 Vita privata
    1.2 Curiosità

    2 Filmografia 2.1 Cinema
    2.2 Cortometraggi
    2.3 Televisione

    3 Doppiatrici italiane
    4 Premi e candidature
    5 Note
    6 Altri progetti
    7 Collegamenti esterni

     
    Biografia [modifica]

     

     

    Keira Knightley a Londra alla prima di Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma, Luglio 2006.
    Nasce a Londra il 26 marzo 1985, figlia di Will Knightley, attore teatrale e televisivo, e Sharman Macdonald, sceneggiatrice. Ha un fratello maggiore, Caleb, nato nel 1979. Keira comincia in tenera età ad avere interesse per la recitazione: a 3 anni chiede un agente come regalo di compleanno. Questa sua passione viene utilizzata dai genitori come stimolo a combattere la dislessia di cui è affetta[1]. Dati i buoni risultati ottenuti a scuola, le viene permesso di recitare durante le estati in piccole produzioni: a nove anni esordisce nel film per la televisione A Village Affair, a cui seguono numerose apparizioni in trascurabili produzioni televisive, fino a quando viene scelta per il piccolo ruolo di Sabé nel film Star Wars Episodio I - La minaccia fantasma (1999) di George Lucas, grazie alla forte somiglianza con l'attrice protagonista Natalie Portman. Dopo The Hole (2001), nel 2002 è una dei protagonisti di Sognando Beckham, commedia che ha riscosso un grande successo di pubblico in Inghilterra, portando Keira alla notorietà. Segue il ruolo della volitiva Elizabeth Swann nell'avventuroso La maledizione della prima luna (2003, di Gore Verbinski, accanto a Johnny Depp e Orlando Bloom), suo esordio hollywoodiano ed enorme successo commerciale, che la rivela come una delle attrici più promettenti della sua generazione.

    Indicata da molti come la nuova Julia Roberts, dotata di grande presenza scenica e notevole espressività, Keira interpreta nel 2004 un'inedita Ginevra nel kolossal King Arthur, di Antoine Fuqua, insuccesso al box-office, ma successo personale dell'attrice, apprezzata dalla critica. Sempre più lanciata nello star-system, partecipa al corale Love Actually, di Richard Curtis, nel ruolo di Juliet ed è la misteriosa Jackie nel thriller The Jacket, di John Maybury, al fianco di Adrien Brody.

    Nel 2005 la prima prova da protagonista assoluta, in Orgoglio e pregiudizio, di Joe Wright, tratto dall'omonimo romanzo di Jane Austen, affiancata ad attori del calibro di Brenda Blethyn e Donald Sutherland. Per questa interpretazione, a soli 20 anni, viene candidata sia ai Golden Globe che agli Oscar (quest'ultimo verrà però vinto da Reese Witherspoon per il film "Quando l'amore brucia l'anima"). Lo stesso anno è protagonista in Domino (di Tony Scott), nel ruolo della cacciatrice di taglie Domino Harvey. Nel 2006 torna a vestire i panni di Elizabeth Swann nel sequel de La maledizione della prima luna, Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma, e nuovamente nel 2007 nell'ultimo film della fortunata trilogia: Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo.

    Nello stesso anno la si rivede sul grande schermo in Espiazione, sempre diretta da Joe Wright, trasposizione dall'omonimo best seller di Ian McEwan. Il film, che apre la 64ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, la vede protagonista accanto a James McAvoy, Vanessa Redgrave e Brenda Blethyn. Il complesso ruolo di Cecilia le vale la seconda nomination ai Golden Globes della sua carriera.

    Il 2008 la vede protagonista di due film: The Edge of Love, di John Maybury sulla vita del poeta gallese Dylan Thomas, accanto all'amica Sienna Miller e a Cillian Murphy, e La duchessa, al fianco di Ralph Fiennes, tratto dalla biografia di Amanda Foreman su Georgiana Cavendish, duchessa del Devonshire, vissuta nel XVIII secolo e antenata di lady Diana Spencer.

    Dopo una pausa di un anno, come aveva più volte annunciato, la Knightley è tornata sul set a fine 2008 per il film Last Night, accanto all'attore francese Guillaume Canet ed Eva Mendes, mentre nell'aprile 2009 ha recitato in Non lasciarmi[2], trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo di Kazuo Ishiguro. Saltata invece la trasposizione cinematografica di Re Lear di William Shakespeare,[3] nei panni di Cordelia, la figlia più piccola del Re shakespeariano, interpretato da Sir Anthony Hopkins: il cast avrebbe compreso anche Gwyneth Paltrow e Naomi Watts.

    Vita privata [modifica]

    Keira è stata legata al modello irlandese Jamie Dornan dal 2003 al 2005, mentre dal 2006 fino a inizio 2011 ha convissuto col collega Rupert Friend, conosciuto sul set di Orgoglio e pregiudizio. Ha comunque dichiarato di sentirsi ancora molto giovane per sposarsi.

     

     

    Keira Knightley nel 2005
    Curiosità [modifica]

     

     

     
    Questa sezione contiene «curiosità» da riorganizzare.
    --------------------------------------------------------------------------------
     
    Contribuisci a migliorarla integrando se possibile le informazioni nel corpo della voce e rimuovendo quelle inappropriate.

    Da bambina ha studiato danza.
    È dislessica. Da adolescente ha dovuto indossare degli occhiali speciali che la aiutassero nella lettura. Ha anche confessato di aver studiato i libri a memoria ascoltando le registrazioni in modo da risultare preparata mentre leggeva.[1][4]
    Ha un piercing all'ombelico.
    La notevole somiglianza con Natalie Portman è stata sfruttata in Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma, dove il personaggio interpretato dalla Knightley prende il posto della regina Amidala (interpretato dalla Portman), costretta alla fuga.
    Il suo nome è di origine celtica (sua madre è scozzese) e significa "dai capelli scuri".[5]
    Amante del calcio, è una tifosa del West Ham United, del quale segue le partite nel pub di fiducia.[6]
    Il suo libro preferito è Guerra e Pace, mentre il suo film preferito Eva contro Eva.
    È molto amica di Sienna Miller, con la quale ha condiviso un appartamento durante le riprese di The Edge of Love.[7][8]
    Nel settembre 2007 è diventata la nuova testimonial del profumo Coco Mademoiselle, della nota casa di moda Chanel, sostituendo Kate Moss.[9]
    Ha sempre smentito le voci che la davano malata di anoressia nervosa.

    Filmografia [modifica]

     

     

    Keira Knightley al London Film Festival 2010
    Cinema [modifica]
    Intrigo perverso (Innocent Lies), regia di Patrick Dewolf (1995)
    Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (Star Wars: Episode I - The Phantom Menace), regia di George Lucas (1999)
    The Hole, regia di Nick Hamm (2001)
    Sognando Beckham (Bend It Like Beckham), regia di Gurinder Chadha (2002)
    Pantaloncini a tutto gas (Thunderpants), regia di Peter Hewitt (2002) - non accreditata
    Pure, regia di Gillies MacKinnon (2002)
    La maledizione della prima luna (Pirates of the Caribbean: The Curse of the Black Pearl), regia di Gore Verbinski (2003)
    Love Actually - L'amore davvero (Love Actually), regia di Richard Curtis (2003)
    King Arthur, regia di Antoine Fuqua (2004)
    Stories of Lost Souls, regia di Col Spector (2005)
    The Jacket, regia di John Maybury (2005)
    Orgoglio e pregiudizio (Pride & Prejudice), regia di Joe Wright (2005)
    Domino, regia di Tony Scott (2005)
    Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma (Pirates of the Caribbean: Dead Man's Chest), regia di Gore Verbinski (2006)
    Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (Pirates of the Caribbean: At World's End), regia di Gore Verbinski (2007)
    Espiazione (Atonement), regia di Joe Wright (2007)
    Seta (Silk), regia di François Girard (2007)
    The Edge of Love, regia di John Maybury (2008)
    La duchessa (The Duchess), regia di Saul Dibb (2008)
    Non lasciarmi (Never Let Me Go), regia di Mark Romanek (2010)
    Last Night, regia di Massy Tadjedin (2010)
    London Boulevard, regia di William Monahan (2010)
    A Dangerous Method, regia di David Cronenberg (2011)
    Anna Karenina, regia di Joe Wright (2012)
    Seeking a Friend for the End of the World, regia di Lorene Scafaria (2012)

    Cortometraggi [modifica]
    Deflation, regia di Roger Ashton-Griffiths (2001)
    The Seasons Alter, regia di Roger Lunn (2002)
    Gaijin, regia di Fumi Inoue (2003) - voce
    Robbie the Reindeer in Close Encounters of the Herd Kind, regia di Donnie Anderson - TV (2007) - voce
    Looking Over: The Edge of Love (2008)
    The Continuing and Lamentable Saga of the Suicide Brothers, regia di Arran Brownlee e Corran Brownlee (2009)
    Steve, regia di Rupert Friend (2010)

    Televisione [modifica]
    Screen One – serie TV, episodio 5x04 (1993)
    A Village Affair, regia di Moira Armstrong - film TV (1995)
    The Bill – serie TV, episodio 11x39 (1995)
    The Treasure Seekers, regia di Juliet May - film TV (1996)
    Coming Home, regia di Giles Foster - film TV (1998)
    Oliver Twist – mini-serie TV, episodi 1x02 - 1x03 - 1x04 (1999)
    Gwyn - Principessa dei ladri (Princess of Thieves), regia di Peter Hewitt - film TV (2001)
    Zivago (Doctor Zhivago), regia di Giacomo Campiotti - film TV (2002)

    Doppiatrici italiane [modifica]
    Myriam Catania in: The Hole, La maledizione della prima luna, King Arthur, The Jacket, Orgoglio e pregiudizio, Zivago, Pirati dei Caraibi - Ai confini del mondo, Espiazione, Stories of Lost Souls, Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma, Seta, The Edge of Love, Last Night, London Boulevard
    Selvaggia Quattrini in: Sognando Beckham, Domino e La duchessa
    Domitilla D'Amico in: Love Actually - L'amore davvero, Non lasciarmi
    Stella Musy in: Gwyn, principessa dei ladri
    Federica De Bortoli in: A Dangerous Method

    Premi e candidature [modifica]
    Premio Oscar 2006: Nomination - Migliore attrice protagonista per Orgoglio e pregiudizio (2005)

    Golden Globes (Golden Globe) 2006: Nomination - Migliore attrice in un film commedia o musicale per Orgoglio e pregiudizio (2005)
    2008: Nomination - Migliore attrice in un film drammatico per Espiazione (2007)

    BAFTA Awards (BAFTA Film Award) 2007: Nomination - Migliore attrice protagonista per Espiazione (2007)" — @grace-88
  • Senza titolo #253
    No item description
  • We love Carrie!
    "Sarah Jessica Parker (Nelsonville, 25 marzo 1965) è un'attrice statunitense, che deve la sua popolarità soprattutto alla serie tv Sex and the City. Vincitrice di 4 Golden Globe e 2 Emmy.

     

     

    Indice
    [nascondi] 1 Biografia 1.1 Vita privata
    1.2 Altre attività

    2 Filmografia
    3 Incassi
    4 Premi
    5 Doppiatrici italiane
    6 Note
    7 Altri progetti
    8 Collegamenti esterni

     
    Biografia [modifica]

    Terza di quattro fratelli, Sarah Jessica Parker nasce il 25 marzo 1965 a Nelsonville in Ohio, da Barbara Keck, un'insegnante di origine tedesca ed inglese, e da Stephen Parker, un imprenditore e giornalista ebreo di Brooklyn originario dell'Est Europa (il cognome originale era Bar-Kahn). Sarah inizia a recitare a soli otto anni; a Broadway interpreta The Innocents, la cui rappresentazione costringe la sua famiglia a traslocare nel New Jersey. Ha anche due sorellastre e due fratellastri.

    I genitori credono molto in lei e la iscrivono all'American Ballet School e alla Professional Children's School, ottime basi per poter affrontare, sempre a Broadway, il musical Annie. Parallelamente alla carriera d'attrice, Sarah porta avanti gli studi scolastici alla Dwight Morrow High School.

    Il debutto in televisione è del 1982 con il film tv My Body, My Child; sempre nello stesso anno è fra le protagoniste del serial Zero in condotta (Square Pegs) nel ruolo di Patty Green.

    Finite le scuole dell'obbligo, Sarah si butta a capofitto nella carriera d'attrice, interpretando piccoli ruoli al cinema - come in Footloose di Herbert Ross nel 1984 - e in televisione - Dadah is Dead e La pensione (The Room Upstairs) nel 1987. Sarà solo nel 1991 che riuscirà a farsi notare nella commedia brillante di Mick Jackson Pazzi a Beverly Hills (L.A.Story) accanto a Steve Martin.

    Continuano a seguire, tuttavia, ruoli secondari in pellicole come Mi gioco la moglie a... Las Vegas (Honeymoon in Vegas) di Andrew Bergman, film nel quale Sarah recita la parte della moglie di Nicholas Cage; è una strega (insieme a Bette Midler) nel disneyano Hocus Pocus di Kenny Ortega; recita due volte per Tim Burton (nel 1994 è la moglie di Ed Wood nell'omonimo film; nel 1996 è una giornalista rapita dagli alieni in Mars attacks!), due per Hugh Wilson (Il club delle prime mogli (First Wives Club) e Dudley Do-Right, rispettivamente nel 1996 e nel 1999), una al fianco di Woody Allen ne I ragazzi irresistibili (The Sunshine Boys) di John Erman nel 1995.

    Nonostante altri flop al cinema (Appuntamento col ponte (If Lucy Fell) di Eric Schaffer; Soluzioni estreme (Extreme Measures) di Michael Apted), a teatro Sarah riesce ad ottenere importanti soddisfazioni: vince il Tony Award per Once upon a time a Mastress e si dedica a spettacoli off-Broadway come Sylvia e How to Succed in Business Without Really Trying.

    La svolta, però, arriva nel 1998 quando il network americano HBO le affida la parte di Carrie Bradshaw nel serial Sex and the City, ruolo che interpreterà per sei stagioni e che le farà vincere svariati premi.

    All'apice della carriera, nel 2000, Sarah Jessica Parker viene chiamata da MTV per presentare l'MTV Movie Awards e interpreta la commedia Hollywood, Vermont (State and Main) di David Mamet.

    Conclusasi la serie televisiva nel 2004, della quale nel frattempo era divenuta anche produttrice (ma essa avrà una trasposizione cinematografica nel 2008), firma un contratto con i magazzini Gap e continua a recitare al cinema con La neve nel cuore (The Family Stone) di Thomas Bezuca nel 2005; A casa con i suoi (Failure to Launch) e Strangers with Candy nel 2006).

    Vita privata [modifica]

     

     

    Sarah Jessica Parker col marito Matthew Broderick nel 2009
    Sarah è membro della Hollywood's Woman's Political Committee ed è ambasciatrice dell'Unicef. Il 19 maggio 1997 si è sposata con il collega Matthew Broderick conosciuto sul palco di How to Succed in Business Without Really Trying; La coppia ha un figlio, James Wilkie (nato nel 2002) e due gemelle, Marion Loretta Elwell e Tabitha Hodge, nate nel 2009 e avute con utero in affitto.

    Altre attività [modifica]

    Ha lanciato una collezione di abiti low cost. ‘La moda non deve essere un lusso’, dice Sarah, ‘e io con Bitten non volevo creare un’altra linea vanity’. Nella linea è difficile trovare capi ad un prezzo superiore ai 20 $. Il marchio di abbigliamento Gap, di cui Sarah è testimonial, ha deciso di sostituirla alla vigilia del quarantesimo compleanno, con la cantante britannica Joss Stone di appena 17 anni. Ma Gap non ha licenziato in tronco l'attrice come i media avevano sostenuto in un primo momento, ma ha riadattato la sua immagine per rappresentare il marchio presso le fasce di pubblico più agé e conservatrici. FINE

    Filmografia [modifica]

     

     

    Sarah Jessica Parker Rich Kids (1979)
    My Body, My Child (1982), film TV
    Zero in condotta (Square Pegs) (1982), serie TV
    Somewhere Tomorrow (1983)
    Footloose (1984)
    Firstborn (1984)
    Voglia di ballare (1985)
    In corsa per l'oro (Going for the Gold: The Billy Johnson Story) (1985), film TV
    The almost Royal Family (1986) film TV
    Navigator (Flight of the Navigator) (1986)
    Un anno nella vita (1986), mini serie tv
    La pensione (The Room Upstairs) (1987), film TV
    Un anno nella vita (1987)
    Dadah Is Dead (1988)
    Twist of Faith (1989), film TV
    The Ryan White Story (1989), film TV
    Life Under Water (1989), film TV
    E giustizia per tutti (Equal Justice, 1990), serie TV
    Pazzi a Beverly Hills (L.A. Story, 1991)
    In the Best Interest of the Children (1992), film TV
    Mi gioco la moglie a Las Vegas (Honeymoon in Vegas) (1992)
    Abracadabra (1993)
    Zona De Perigo (1993)
    Hocus Pocus (1993)
    Impatto imminente (Striking Distance) (1993)
    Ed Wood (1994)
    Promesse e compromessi (Miami Rhapsody) (1995)
    I ragazzi irresistibili (The Sunshine Boys, 1995)
    Il club delle prime mogli (The First Wives Club) (1996)
    Appuntamento col ponte (If Lucy Fell) (1996)
    Il colore del fuoco (The Substance of Fire) (1996)
    Extreme Measures - Soluzioni estreme (1996)
    Mars attacks! (1996)
    Solo se il destino ('Till There Was You) (1997)
    Sex and the City (1998-2004), serie TV
    Stories From My Childhood (1998), serie TV
    Dudley Do-Right (1999)
    Hollywood, Vermont (State and Main) (2000)
    Sex and the Matrix (2000), film TV
    Life without Dick (2001)
    Pallottole d'amore (2001)
    Home in the range (2003)
    La neve nel cuore (The family Ston), 2005)
    A casa con i suoi (Failure to Launch, 2006)
    Strangers with Candy (2006)
    Sex and the City (2008)
    Che fine hanno fatto i Morgan? (Did You Hear About the Morgans?) (2009)
    Sex and the City 2 (2010)
    Ma come fa a far tutto? (I Don't Know How She Does It), regia di Douglas McGrath (2011)

    Incassi [modifica]

    Di seguito, nell'ordine, i film di Sarah Jessica Parker che hanno incassato di più al box office negli USA[1]
    1.Sex and the City (2008) = $152,647,258
    2.Il club delle prime mogli (1996) = $105,489,203
    3.Sex and the City 2 (2010) = $95,347,692
    4.A casa con i suoi (2006) = $88,715,192
    5.Footloose (1984) = $80,035,402
    6.La neve nel cuore (2005) = $60,062,868

    Premi [modifica]
    2000: Golden Globe: Best Performance by an Actress in a TV Series: Musical or Comedy (Sex and the City)
    2001: Golden Globe: Best Performance by an Actress in a TV Series: Musical or Comedy (Sex and the City)
    2001: Emmy Awards: Outstanding Comedy Series - (Sex and the City)
    2001: Screen Actors Guild Awards: Outstanding Performance by a Female Actor in a Comedy Series - (Sex and the City)
    2002: Golden Globe: Best Performance by an Actress in a TV Series: Musical or Comedy (Sex and the City)
    2002: Screen Actors Guild Awards: Outstanding Performance by an Ensemble in a Comedy Series - (Sex and the City)
    2004: Golden Globe: Best Performance by an Actress in a TV Series: Musical or Comedy (Sex and the City)
    2004: Emmy Awards: Outstanding Lead Actress in a Comedy Series - (Sex and the City)
    2004: Screen Actors Guild Awards: Outstanding Performance by an Ensemble in a Comedy Series - (Sex and the City)

    Doppiatrici italiane [modifica]
    Barbara De Bortoli in: Sex and the City, La neve nel cuore, A casa con i suoi, Sex and the City, Che fine hanno fatto i Morgan?, Sex and the City 2, Ma come fa a far tutto?
    Cristina Boraschi in: É giustizia per tutti, Impatto imminente, Appuntamento col ponte, Promesse e compromessi, Mi gioco la moglie a Las Vegas, Life without Dick
    Laura Lenghi in: Il club delle prime mogli, Extreme Measures - Soluzioni estreme
    Ilaria Stagni in: Pazzi a Beverly Hills
    Claudia Razzi in: Viaggio senza ritorno
    Cristina Noci in: Ed Wood
    Chiara Salerno in: Hocus Pocus
    Roberta Greganti in: Dudley Do-Right" — @grace-88
  • Audrey Hepburn
    "Audrey Hepburn, all'anagrafe Audrey Kathleen Ruston (Bruxelles, 4 maggio 1929 – Tolochenaz, 20 gennaio 1993), è stata un'attrice britannica. Cresciuta nei Paesi Bassi sotto il regime nazista, durante la seconda guerra mondiale studiò danza per poi approdare al teatro e infine al cinema.

    Vincitrice di un Oscar, di tre Golden Globe, di un Emmy, di un Grammy Award, di quattro BAFTA, di due premi Tony e di tre David di Donatello, la Hepburn fu una delle figure di spicco del cinema statunitense degli anni cinquanta e sessanta.

    Nel corso della sua carriera lavorò con registi come Billy Wilder, George Cukor e Blake Edwards, oltre che con attori del calibro di Gregory Peck, Humphrey Bogart, Cary Grant, Rex Harrison e William Holden, e divenne famosa grazie a ruoli come quello della Principessa Anna in Vacanze romane (1953), interpretazione che le valse l'Oscar come migliore attrice, di Holly Golightly in Colazione da Tiffany (1961) e di Eliza Doolittle nel film musicale My Fair Lady (1964). Altri importanti film cui prese parte sono Sabrina (1954), Sciarada (1963) e Come rubare un milione di dollari e vivere felici (1966).

    Negli anni settanta e ottanta apparve sempre più raramente sul grande schermo, preferendo dedicarsi alla famiglia. Nel 1988 fu nominata ambasciatrice ufficiale dell'UNICEF e, da quel momento fino alla sua morte, si dedicò assiduamente al lavoro umanitario, in riconoscimento del quale ricevette nel 1992 la Medaglia presidenziale della libertà (Presidential Medal of Freedom)[1] e nel 1993 il Premio umanitario Jean Hersholt (Jean Hersholt Humanitarian Award).

    Audrey Hepburn è stata proclamata nel 1999 la terza più grande attrice di sempre dall'American Film Institute, ed ha una sua stella sull'Hollywood Walk of Fame, al 1652 di Vine Street.

     

     

    Indice
    [nascondi] 1 Biografia 1.1 Gli inizi
    1.2 Hollywood
    1.3 La vita privata

    2 Il lavoro per l'UNICEF
    3 Filmografia 3.1 Cinema
    3.2 Teatro e Televisione

    4 Doppiatrici italiane
    5 Premi e candidature
    6 Audrey Hepburn nella cultura popolare
    7 Curiosità
    8 Onorificenze
    9 Note
    10 Bibliografia
    11 Altri progetti
    12 Collegamenti esterni

     
    Biografia [modifica]

    Gli inizi [modifica]

    Nacque a Bruxelles come Audrey Kathleen Ruston,[2] dall'inglese Joseph Anthony Ruston e dalla sua seconda moglie, la baronessa Ella van Heemstra,[3] un'aristocratica olandese. Anni dopo, il padre della Hepburn aggiunse il cognome della nonna materna Kathleen Hepburn, a quello della famiglia, trasformandolo così in Hepburn-Ruston.[3] Aveva due fratellastri, Arnoud Robert Alexander e Ian Edgar Bruce,[3] che la madre ebbe dal suo primo matrimonio con un nobile olandese, Hendrik Gustaaf Adolf Quarles van Ufford.[3] Tra i suoi avi, la famiglia della Hepburn contava Edoardo III d'Inghilterra e James Hepburn, quarto Conte di Bothwell, dal quale potrebbe essere discesa anche Katharine Hepburn.[4]

    Il lavoro del padre presso una compagnia di assicurazioni britannica obbligò la famiglia a frequenti spostamenti tra il Belgio, il Regno Unito e i Paesi Bassi. Nel 1935 i genitori della Hepburn divorziarono e suo padre, simpatizzante del Nazismo,[5] abbandonò la famiglia.[6] Più tardi l'attrice dichiarò che quello fu il momento più traumatico della sua vita. Anni dopo, tramite la Croce Rossa, riuscì a ritrovare il padre che si era nel frattempo trasferito a Dublino. Rimase in contatto con lui aiutandolo anche finanziariamente, fino alla sua morte. Nel 1939 la madre si trasferì insieme ai figli nella città olandese di Arnhem, pensando di aver trovato un luogo sicuro dagli attacchi nazisti. In quella città la Hepburn frequentò il Conservatorio dal 1939 al 1945, dove studiò danza.
    Nel 1940 i tedeschi invasero Arnhem. Durante la guerra la Hepburn cambiò il suo nome in Edda van Heemstra, a causa del suono "inglese" considerato pericoloso, del suo vero nome.

    Verso il 1944 Audrey Hepburn era divenuta una ballerina a tutti gli effetti. Partecipava a spettacoli organizzati in segreto per la raccolta fondi a favore del movimento di opposizione al nazismo. Anni dopo disse: «Il miglior pubblico che io abbia mai avuto non faceva il minimo rumore alla fine dello spettacolo[7]». Dopo lo sbarco in Normandia delle forze alleate, la situazione sotto gli occupanti nazisti peggiorò. Durante la carestia dell'inverno 1944, la brutalità crebbe e i nazisti confiscarono le limitate riserve di cibo e carburante della popolazione olandese. Senza riscaldamento nelle case o cibo da mangiare, la popolazione moriva di fame o di freddo nelle strade. Sofferente per la malnutrizione, la Hepburn sviluppò diversi problemi di salute e l'impatto di quei tempi difficili avrebbe condizionato i suoi valori per il resto della vita.

    L'Olanda venne liberata il 4 maggio 1945, giorno del sedicesimo compleanno di Audrey. Anni dopo, parlando della liberazione di Arnhem, la Hepburn dirà: «l'incredibile sensazione di conforto nel ritrovarsi liberi, è una cosa difficile da esprimere a parole. La libertà è qualcosa che si sente nell'aria. Per me, è stato il sentire i soldati parlare inglese, invece che tedesco e l'odore di vero tabacco che veniva dalle loro sigarette[8]».

     

     

    Audrey Hepburn sulla Costa Azzurra, fotografata da Edward Quinn nel 1951
    Dopo un soggiorno di tre anni ad Amsterdam, dove continuò i suoi studi di danza, Audrey Hepburn si trasferì a Londra nel 1948. Nella capitale inglese prese lezioni da Marie Rambert, insegnante di danza che contava tra i suoi allievi il famoso ballerino Vaclav Nižinskij. La Rambert spiegò alla futura attrice che, a causa della sua altezza (circa 1 metro e 70) e della malnutrizione sofferta durante il periodo bellico, le sue chances di diventare una prima ballerina erano minime. Forse anche in seguito a questa dichiarazione, la Hepburn decise di tentare la carriera di attrice. Anni dopo, quando Audrey divenne famosa nell'ambiente cinematografico, la Rambert, intervistata dalla rivista TIME, dichiarò: «era un'allieva meravigliosa. Se avesse perseverato, sarebbe diventata un'incredibile ballerina[9]».

    La sua carriera di attrice iniziò con un documentario educativo: Nederlands in Sieben Lessen (L'olandese in 7 lezioni) del 1948.[10][11] Iniziò poi a recitare in teatro in una serie di musical. Il suo primo ruolo per il grande schermo arrivò nel 1951, nel film di produzione britannica One Wild Oat, cui seguì una serie di ruoli minori in diverse produzioni cinematografiche. Durante le riprese di Vacanze a Montecarlo (Monte Carlo Baby) (1951), la scrittrice Colette, il cui romanzo Gigi era stato recentemente trasformato in una commedia per Broadway, la scelse per interpretare proprio la parte della protagonista. La commedia aprì i battenti il 24 novembre 1951, riscuotendo un discreto successo di critica e molte lodi per l'interpretazione della Hepburn.[8] Le repliche a New York durarono sei mesi e la Hepburn vinse il premio Theatre World Award per il suo debutto.

    Il suo primo ruolo significativo nel cinema fu nel film The Secret People 1952, nel quale interpretava una talentuosa ballerina, ruolo che le permise di mettere a frutto l'esperienza accumulata con lo studio della danza.

    Hollywood [modifica]

    Nel 1952 la Hepburn si sottopose a un provino per il nuovo film del regista statunitense William Wyler, Vacanze romane. La Paramount Pictures, casa produttrice del film, voleva l'attrice inglese Elizabeth Taylor per il ruolo della protagonista ma, dopo aver visionato il provino della Hepburn, Wyler si convinse ad assegnarle il ruolo principale, quello della Principessa Anna.

     

     

    Audrey Hepburn in Vacanze Romane
    Racconta Wyler: «All'inizio, recitò la scena del copione, poi si sentì qualcuno gridare 'Taglia!', ma le riprese in realtà continuarono. Lei si alzò dal letto e chiese, "Com'era? Sono andata bene?". Si accorse che tutti erano silenziosi e che le luci erano ancora accese. Improvvisamente, si rese conto che la cinepresa stava ancora girando... Aveva tutto quello che stavo cercando, fascino, innocenza e talento. Inoltre era molto divertente. Era assolutamente incantevole, e ci dicemmo, "È lei!"[12]» Le riprese iniziarono nell'estate del 1952. Dopo due settimane dall'inizio della lavorazione Gregory Peck, che interpretava il ruolo maschile principale, chiamò il suo agente chiedendo che, nei titoli, il nome della Hepburn fosse messo in risalto quanto il suo perché, come racconterà ai giornalisti della rivista Entertainment Weekly: «Sono abbastanza intelligente da capire che questa ragazza vincerà l'Oscar nel suo primo film e sembrerò uno sciocco se il suo nome non è in cima, insieme al mio.[12]» Come da lui predetto, la Hepburn vinse l'Oscar come migliore attrice protagonista nel 1954. In quell'occasione l'attrice indosserà un abito bianco a fiori, che sarà giudicato in seguito come uno dei migliori di tutti i tempi.[13][14] Oltre all'Oscar, ricevette anche un NYFCC e un BAFTA come miglior attrice.

    In seguito all'immediata celebrità raggiunta grazie al film, un'illustrazione del volto di Audrey Hepburn fu pubblicato sulla copertina di Time del 7 settembre 1953.[15]

    L'interpretazione della Hepburn ricevette molti positivi apprezzamenti critici:

     

     
    « Sebbene non sia nuova al lavoro cinematografico, Audrey Hepburn, l'attrice britannica che è stata la protagonista per la prima volta come la Principessa Anna, è una sottile, elfica, malinconica bellezza, al tempo stesso regale e infantile nel suo profondo apprezzare i semplici piaceri e l'amore. Benché sorrida coraggiosamente alla fine della storia, rimane una figura solitaria e penosa che deve affrontare un futuro soffocante. »

     

     

    (A. H. Weiler, New York Times, 28 agosto, 1953)

     
    Dopo la fine delle riprese, tornò a New York dove fu impegnata nelle repliche di Gigi per altri otto mesi. Le venne offerto un contratto per sette film con la Paramount Pictures, con pause di dodici mesi tra un film e l'altro per permetterle di recitare a teatro.[16]

     

     

    Audrey Hepburn e Humphrey Bogart nel film Sabrina
    Dopo l'esperienza di Vacanze romane, fu chiamata ad interpretare il ruolo della protagonista femminile nel film di Billy Wilder, Sabrina, accanto a Humphrey Bogart e William Holden. Il guardaroba della Hepburn venne affidato allo stilista francese Givenchy. Quando gli fu detto che la signorina Hepburn voleva incontrarlo, Givenchy pensò di veder arrivare Katharine Hepburn. Invece si trovò davanti lei, ma non ne fu deluso. I due infatti, strinsero da allora un'amicizia e un sodalizio professionale che sarebbero durati tutta la vita. Lo stilista ricordava bene il loro primo incontro:

     

     
    « Le dissi, "Mademoiselle, mi piacerebbe aiutarla, ma ho poche cucitrici e sto lavorando ad una collezione, non posso farle dei vestiti." Allora lei disse, "Mi mostri quel che ha creato per la collezione." Si provò i vestiti. "È esattamente ciò di cui ho bisogno!", esclamò, e le stavano davvero bene. Sapeva perfettamente ciò che voleva. »

     

     

    ( da L'Ange des enfants)

     
    Per Sabrina, la Hepburn ricevette nuovamente una nomination all'Oscar alla migliore attrice, ma il premio andò a Grace Kelly. Il film ricevette un Oscar per i migliori costumi e lanciò la Hepburn nell'Olimpo delle star hollywodiane.

    Nel 1954 tornò sui palcoscenici interpretando il ruolo principale in Ondine, insieme all'attore e regista statunitense Mel Ferrer, con il quale si sarebbe sposata proprio quell'anno. Durante le rappresentazioni dello spettacolo teatrale, la Hepburn ricevette un Golden Globe come migliore attrice in un film drammatico, oltre al succitato Oscar per Vacanze romane. Sei settimane dopo aver ricevuto l'Oscar, fu premiata con un Tony Award quale migliore attrice per la sua interpretazione in Ondine.

    Verso la seconda metà degli anni cinquanta, Audrey Hepburn era diventata una delle più grandi attrici di Hollywood e un'icona dello stile: nel 1955 la giuria dei Golden Globe le assegna il prestigioso Henrietta Award alla migliore attrice del cinema mondiale. La sua figura snella e il suo ben noto buon gusto erano ammirati e imitati. Diventata una delle maggiori attrazioni del cinema hollywoodiano, continuò a lavorare con attori importanti, come Fred Astaire, Maurice Chevalier, Gary Cooper, Cary Grant e molti altri volti noti del cinema statunitense e internazionale.

    Cenerentola a Parigi, girato nel 1957, fu uno dei film preferiti della Hepburn, anche perché le offrì l'occasione, dopo tanti anni passati a studiare danza, di ballare insieme con Fred Astaire. La madre della Hepburn apparve qui nel ruolo della padrona di un caffè sulla strada. Nello stesso anno uscì nelle sale Arianna (Love in the afternoon), frutto di una nuova collaborazione dell'attrice con Billy Wilder. Nella commedia, insieme alla Hepburn, che fu candidata al Golden Globe e vinse l'unico Golden Laurel Award della sua carriera, recitarono Gary Cooper e Maurice Chevalier.

    La storia di una monaca del 1959, vide l'attrice affrontare una delle sue interpretazioni più difficili. Films in Review scrisse: «la sua interpretazione chiuderà la bocca per sempre a quelli che pensavano a lei più come ad un simbolo di una donna sofisticata che come ad un'attrice. La sua interpretazione della Sorella Luke è una delle migliori mai viste sul grande schermo[17]».

    La pellicola, diretta da Fred Zinnemann, le valse la sua terza nomination all'Oscar e numerosi riconoscimenti, tra cui il suo secondo BAFTA, un nuovo premio come migliore interprete ai New York Film Critics Circle Awards, il David di Donatello per la migliore attrice straniera e il premio alla migliore attrice al Festival di San Sebastian.

    Il personaggio di Holly Golightly, da lei impersonato nel film Colazione da Tiffany, tratto dal romanzo di Truman Capote e diretto da Blake Edwards nel 1961, venne considerato come una delle figure più incisive e rappresentative del cinema statunitense del XX secolo. L'interpretazione fece guadagnare all'attrice un'altra nomination all'Oscar, poi vinto da Sophia Loren e il secondo David di Donatello per la migliore attrice straniera. Intervistata a proposito di un personaggio così insolito per lei, la Hepburn disse: «sono un'introversa. Interpretare una ragazza estroversa è stata la cosa più difficile che io abbia mai fatto[18]»

     

     

    Audrey Hepburn e Cary Grant in Sciarada
    Sempre nel 1961 uscì nelle sale Quelle due, in cui Audrey Hepburn fu nuovamente diretta da William Wyler. La pellicola, ispirata ad una pièce drammatica di Lillian Hellman, dalla quale il regista aveva già tratto il film La calunnia (1936), offrì all'interprete la possibilità di misurarsi con attrici del calibro di Shirley MacLaine, Miriam Hopkins e Fay Bainter.

    Nel 1963 la Hepburn recitò in Sciarada, diretto da Stanley Donen. Nel film, che le fece vincere il terzo BAFTA, l'attrice affianca Cary Grant che aveva precedentemente rifiutato di recitare in Vacanze romane e Sabrina. Fu la prima e ultima volta che i due lavorarono insieme in un film. L'anno successivo, tuttavia, Cary Grant dichiarò scherzosamente:

     

     
    « L'unico regalo che desidero per Natale è un altro film con Audrey Hepburn! »

     

     

    (Cary Grant su Motion Pictures[19])

     
    Nel 1964 fu impegnata in uno dei suoi ruoli più famosi, quello di Eliza Doolittle nel film musicale My Fair Lady. Venne scelta al posto dell'allora poco conosciuta Julie Andrews, che aveva interpretato il ruolo di Eliza a Broadway. Inizialmente la Hepburn rifiutò il ruolo e chiese che fosse assegnato alla Andrews, ma quando le dissero che la parte, in alternativa, sarebbe andata ad Elizabeth Taylor e mai alla Andrews, decise di accettare. Durante la lavorazione del film, la Hepburn scoprì di essere stata doppiata nei pezzi musicali. In segno di protesta se ne andò dal set, per tornare il mattino seguente scusandosi per il suo comportamento. Solo poche frasi da due canzoni nel film, sono effettivamente cantate dalla Hepburn. Doppiaggio a parte, molti critici ritennero l'interpretazione della Hepburn eccellente: per il musical l'attrice ottenne una nuova candidatura al Golden Globe e vinse il terzo David di Donatello.

    Come rubare un milione di dollari e vivere felici del 1966, fu uno degli ultimi film di Wyler e il terzo ed ultimo in cui l'attrice lavorò con il regista che l'aveva diretta nel 1953 nel suo primo ruolo da protagonista in Vacanze Romane. Nella commedia poliziesca l'attrice, protagonista nel ruolo della figlia di un eccentrico falsario, recitò al fianco di Peter O'Toole e Eli Wallach.

    Nel 1967, recitò in Due per la strada, diretto da Stanley Donen, film strutturato in maniera piuttosto innovativa per l'epoca e che affrontava il tema del divorzio. Caso volle che, proprio in quel periodo, la Hepburn vivesse un momento di profonda crisi con il marito Mel Ferrer. Il film successivo, Gli occhi della notte, per la regia di Terence Young, fu per lei una prova difficile sia per il ruolo particolarmente impegnativo (quello di una donna cieca), sia a causa dell'imminente divorzio da Ferrer che era il produttore del film. Per la sua interpretazione la Hepburn ricevette un'altra nomination all'Oscar come migliore attrice che fu però assegnato a Katharine Hepburn. Ottenne inoltre, nel 1968, la doppia nomina al Golden Globe: come migliore attrice drammatica per Gli occhi della notte e come miglior interprete di commedia per il film di Donen. Nello stesso anno le fu assegnato il Tony alla carriera.

     

     

    La stella sull'Hollywood Walk of Fame
    Dal 1967 in poi, lavorò in maniera molto sporadica. Dopo il divorzio da Ferrer, la Hepburn aveva sposato uno psichiatra italiano, Andrea Dotti con il quale aveva avuto il suo secondo figlio, Luca. La gravidanza fu molto difficile e l'attrice dovette rimanere quasi tutto il tempo a letto. Con l'arrivo di Luca, la Hepburn decise di diminuire i suoi impegni di attrice e di dedicarsi alla famiglia. Tornò al cinema nel 1976, accanto a Sean Connery in Robin e Marian, film che ebbe un successo moderato. Nel 1979 interpretò il ruolo principale in Linea di sangue, ma il film fu un fallimento di critica e di botteghino.

    L'ultimo ruolo importante della sua carriera cinematografica fu nel 1981 accanto a Ben Gazzara, nella commedia ...e tutti risero, diretta da Peter Bogdanovich che ricevette un buon successo di critica, ma che fu presente nelle sale per un periodo molto breve.

    La sua ultima apparizione sul grande schermo fu una piccola parte nel film di Steven Spielberg Always - Per sempre, nel 1988. Nel film, che non ebbe un grande successo, interpretava il ruolo di un angelo di nome Hap. Negli ultimi mesi della sua vita, lavorò in televisione come presentatrice del programma Gardens of the World with Audrey Hepburn, la cui prima puntata andò in onda il giorno successivo alla sua morte e per il quale ricevette un Emmy postumo. In quest'ultimo periodo la Hepburn registrò anche un album di letture di fiabe, Audrey Hepburn's Enchanted Tales, che le valse un Grammy, anch'esso postumo. Negli ultimi anni le sono stati assegnati numerosi premi speciali per celebrare i suoi meriti cinematografici, tra cui il Golden Globe nel 1990 e, nel 1992, il SAG e il BAFTA alla carriera.

    La vita privata [modifica]

     

     
    « Se fossi occupata a lavorare come attrice, mi sentirei come se stessi derubando la mia famiglia, mio marito e i miei figli, derubandoli dell'attenzione che dovrebbero ricevere »

     

     

    (da L'Ange des enfants)

     
    Agli inizi della sua carriera, Audrey Hepburn si fidanzò ufficialmente con l'imprenditore britannico James Hanson. Poco dopo aver preso la decisione di sposarsi tuttavia, il matrimonio saltò a causa del fatto che la carriera della novella attrice li avrebbe tenuti lontani troppo a lungo.[20] Nel corso della sua vita si sposò due volte: nel 1954 con l'attore statunitense Mel Ferrer e nel 1969, con lo psichiatra italiano Andrea Dotti. Ebbe due figli, uno da ciascun matrimonio.

    Audrey Hepburn incontrò Mel Ferrer ad una festa organizzata da Gregory Peck. L'attrice lo aveva visto nel film Lili ed era rimasta colpita dalla sua interpretazione. Qualche tempo dopo la festa, Ferrer inviò alla Hepburn il copione della commedia teatrale Ondine e l'attrice accettò il ruolo offertole. Le prove iniziarono nel gennaio 1954 e i due si sposarono il 25 settembre dello stesso anno.[21] La coppia divenne famosa per il suo affiatamento. Prima di riuscire ad avere il loro primo figlio Sean nel 1960, la Hepburn ebbe due aborti spontanei, uno in seguito ad una caduta da cavallo durante la lavorazione del film Gli inesorabili. Durante la permanenza in ospedale a causa dell'incidente, Ferrer le regalò il cerbiatto che era stato usato nel film Verdi dimore. Lo chiamarono Ip. L'attrice amava molto gli animali e ne ospitò diversi in casa. Anche il cerbiatto fu tenuto come animale domestico. Sean nacque a Lucerna e il suo padrino è stato A. J. Cronin, lo scrittore scozzese.

    La Hepburn ebbe altri due aborti spontanei, uno nel 1965 e l'ultimo nel 1974.[22]

     

     

    Andrea Dotti e la Hepburn
    Il matrimonio con Ferrer durò 14 anni, fino al 1968. Negli ultimi anni della loro unione, si diceva che Ferrer vedesse altre donne, mentre al tempo stesso molti giornali riportarono una presunta relazione della Hepburn con l'attore Albert Finney, con il quale aveva interpretato Due per la strada. Lei negò decisamente. Prima di divorziare, la coppia aveva comunque deciso di separarsi. Durante questo periodo l'attrice aveva incontrato lo psicanalista italiano Andrea Dotti durante una crociera e se ne era innamorata. La Hepburn pensò di poter finalmente smettere di lavorare e di poter avere altri figli. Si sposarono il 18 gennaio 1969 ed ebbero un figlio, Luca, nato nel 1970. Purtroppo, il matrimonio fu ben presto rovinato dalle numerose relazioni extraconiugali del medico. Il matrimonio durò, tuttavia, 13 anni e finì nel 1982 quando i due figli della Hepburn furono grandi abbastanza per vivere con una madre single. Mentre con Ferrer l'attrice aveva rotto quasi completamente ogni rapporto, rimase in contatto con Dotti, per il bene del figlio Luca ancora adolescente.

    Mentre era ancora sposata con Dotti, aveva incontrato l'attore olandese Robert Wolders, vedovo dell'attrice Merle Oberon. Sei mesi dopo la fine del matrimonio con il medico italiano, la Hepburn e Wolders si incontrarono nuovamente e poco tempo dopo iniziarono a convivere, trasferendosi in Svizzera a Tolochenaz, presso il Lago di Ginevra, ma non si sposarono mai. I due si occuparono molto di beneficenza e affrontarono insieme molti viaggi, per conto dell'UNICEF.

     

     

    Lapide di Audrey Hepburn nel cimitero di Tolochenaz
    Nel 1992, tornata da un lungo viaggio in Somalia, la Hepburn accusò forti dolori allo stomaco. Dopo essere stata visitata da un medico svizzero, in ottobre, volò a Los Angeles per consultare specialisti più esperti. I dottori che la visitarono scoprirono l'esistenza di un cancro sviluppatosi lentamente, nel corso di anni, all'intero colon e fu operata a novembre. Un mese più tardi dovette essere operata una seconda volta a causa di nuove complicazioni e i medici giunsero alla conclusione che il cancro era ormai troppo esteso per essere curato. A causa delle sue condizioni, la Hepburn fu impossibilitata a utilizzare un normale volo di linea per tornare a casa, quindi il suo vecchio amico Givenchy chiese ad un conoscente di inviarle un jet privato che l'avrebbe riportata in Svizzera. L'uomo fece riempire di fiori la cabina che l'avrebbe ospitata. Audrey Hepburn morì il 20 gennaio 1993 a Tolochenaz (Canton Vaud, Svizzera), dove fu sepolta. Aveva 63 anni. Alle esequie, oltre ai figli e a Wolders, erano presenti Mel Ferrer, Andrea Dotti, Hubert de Givenchy, rappresentanti dell'UNICEF e gli attori e amici Alain Delon e Roger Moore. Ad officiare il funerale era il sacerdote Maurice Eindiguer che, trentanove anni prima, aveva sposato la Hepburn e Ferrer.[22]

    Lo stesso anno della sua morte, il figlio Sean fondò l'Audrey Hepburn Children's Fund[23] per favorire la scolarizzazione nei Paesi africani.

    Il lavoro per l'UNICEF [modifica]

     

     
    « Chi non crede nei miracoli, non è realista. »

     

     

    (da L'Ange des enfants)

     
    Poco tempo dopo la sua ultima apparizione cinematografica nel 1988, Audrey Hepburn fu nominata ambasciatrice speciale dell'UNICEF. Da quel momento fino alla sua morte la Hepburn si dedicò all'aiuto dei bambini dei paesi poveri del mondo. I suoi viaggi intorno al mondo furono facilitati anche dalla sua conoscenza delle lingue (oltre all'inglese, parlava fluentemente il francese, l'italiano, l'olandese e lo spagnolo).

     

     

    L'allora presidente degli Stati Uniti d'America Ronald Reagan con Audrey Hepburn e Robert Wolders ad una cena privata alla Casa Bianca (1981)
    La sua prima missione su campo fu in Etiopia nel 1988. Visitò l'orfanotrofio di Mek'ele e fece in modo che l'UNICEF inviasse cibo ai 500 bambini che vi erano ospitati. Del suo primo viaggio la Hepburn disse:

     

     
    « Mi si è spezzato il cuore. Non posso sopportare l'idea che due milioni di persone stiano morendo di fame. [...] Il termine "Terzo Mondo" non mi piace perché siamo tutti parte di un mondo solo. Voglio che la gente sappia che la maggior parte degli esseri umani sta soffrendo »

     

     

    (da L'Ange des enfants)

     
    Negli anni a seguire, la Hepburn visitò, in veste di ambasciatrice, molti altri paesi, come la Turchia e diversi stati dell'America del Sud e del Centro America.

    Nel 1989 si recò con Robert Wolders in missione in Sudan. A causa della guerra civile era difficile far arrivare cibo alla popolazione. La missione aveva come scopo quello di far giungere rifornimenti su un treno che arrivasse alla parte meridionale del paese. Sempre in compagnia di Wolders, quello stesso anno si recò in Bangladesh, mentre l'anno successivo la sua missione la portò in Vietnam, nel tentativo di collaborare con il governo su programmi di immunizzazione e di pulizia dell'acqua.

    Nel settembre 1992, quattro mesi prima della sua morte, la Hepburn arrivò in Somalia. Definì quel suo viaggio "apocalittico", affermando che di tutte le situazioni difficili viste durante i suoi viaggi, quella della Somalia era infinitamente peggiore.

     

     
    « Ci sono tombe ovunque. Lungo la strada, sulle rive dei fiumi, vicino ad ogni campo... ci sono tombe ovunque. »

     

     

    (da L'Ange des enfants)

     
    Nel 1992 il Presidente degli Stati Uniti, George H. W. Bush, la premiò con uno dei più importanti riconoscimenti attribuibili ad un civile statunitense, la Medaglia Presidenziale della Libertà (Presidential Medal of Freedom),[1] a riconoscimento del suo impegno con l'UNICEF e, poco dopo la sua morte, l'Academy of Motion Picture Arts and Sciences la premiò con il Premio umanitario Jean Hersholt (Jean Hersholt Humanitarian Award) per il suo contributo all'umanità, premio ritirato da suo figlio Sean Hepburn Ferrer.

    Del suo lavoro per l'UNICEF il figlio Sean, durante un'intervista, dirà: «Dopo una vita vissuta in parte come una tortura e una lotta per riuscire ad avere una carriera indipendente e l'autonomia finanziaria per sé e la sua famiglia, senza capire mai fino in fondo quello che la gente vedeva in lei - quello che era il suo fascino - ha trovato nella missione per l'Unicef il modo di ringraziare il suo pubblico e "chiudere il cerchio" della sua esistenza così breve».[24]

    Nel 2011, i figli Sean e Luca hanno promosso in Italia il club di donatori UNICEF Amici di Audrey[25] che sostiene in particolare il progetto per la lotta alla malnutrizione in Ciad.

    Filmografia [modifica]

     

     

    Audrey Hepburn e Gregory Peck nel film Vacanze romane (1953)
    Cinema [modifica]
    One Wild Oat, regia di Charles Saunders (1951)
    Racconti di giovani mogli (Young Wives' Tale), regia di Henry Cass (1951)
    Risate in paradiso (Laughter in Paradise), regia di Mario Zampi (1951)
    L'incredibile avventura di Mr. Holland (The Lavender Hill Mob), regia di Charles Crichton (1951)
    Vacanze a Montecarlo (Monte Carlo Baby), regia di Jean Boyer e Lester Fuller (1951)
    Nous irons à Monte Carlo (versione francese di Vacanze a Montecarlo), regia di Jean Boyer (1952)
    The Secret People, regia di Thorold Dickinson (1952)
    Vacanze romane (Roman Holiday), regia di William Wyler (1953)
    Sabrina, regia di Billy Wilder (1954)
    Guerra e pace (War and Peace), regia di King Vidor (1956)
    Cenerentola a Parigi (Funny Face), regia di Stanley Donen (1957)
    Arianna (Love in the Afternoon), regia di Billy Wilder (1957)
    Verdi dimore (Green Mansions), regia di Mel Ferrer (1959)
    La storia di una monaca (The Nun's Story), regia di Fred Zinnemann (1959)
    Gli inesorabili (The Unforgiven), regia di John Huston (1960)
    Colazione da Tiffany (Breakfast at Tiffany's), regia di Blake Edwards (1961)
    Quelle due (The Children's Hour), regia di William Wyler (1961)
    Sciarada (Charade), regia di Stanley Donen (1963)
    Insieme a Parigi (Paris - When It Sizzles), regia di Richard Quine (1964)
    My Fair Lady, regia di George Cukor (1964)
    Come rubare un milione di dollari e vivere felici (How To Steal a Million), regia di William Wyler (1966)
    Due per la strada (Two for the Road), regia di Stanley Donen (1967)
    Gli occhi della notte (Wait Until Dark), regia di Terence Young (1967)
    Robin e Marian (Robin and Marian), regia di Richard Lester (1976)
    Linea di sangue (Bloodline), regia di Terence Young (1979)
    ...e tutti risero (They All Laughed), regia di Peter Bogdanovich (1981)
    Always - Per sempre (Always), regia di Steven Spielberg (1989)

    Teatro e Televisione [modifica]
    High Button Shoes (musical teatrale) (1949)
    Sauce Tartare (musical teatrale) (1949)
    Sauce Piquante (musical teatrale) (1950)
    Gigi (spettacolo teatrale) (1951)
    Rainy Day at Paradise Junction (serie TV) (1952)
    Ondine (spettacolo teatrale) (1954)
    Mayerling (film tv) (1957)
    Amore tra ladri (Love Among Thieves), regia di Roger Young (film tv) (1987)
    Gardens of the World with Audrey Hepburn (programma televisivo) (1993)

    Doppiatrici italiane [modifica]
    Maria Pia Di Meo in: Guerra e pace, Cenerentola a Parigi (ridoppiato), Arianna, La storia di una monaca, Gli inesorabili, Colazione da Tiffany, Quelle due, Sciarada, Insieme a Parigi, My Fair Lady, Come rubare un milione di dollari e vivere felici, Due per la strada, ...e tutti risero, Always - Per sempre
    Renata Marini in: Vacanze romane, Sabrina
    Deddy Savagnone in: Vacanze a Montecarlo
    Fiorella Betti in: Verdi dimore
    Gabriella Genta in: Gli occhi della notte
    Melina Martello in: Robin e Marian
    Tina Centi in: My Fair Lady (parti cantate)
    Sonia Scotti in: Cenerentola a Parigi (ridoppiaggio)

    La voce ufficiale di Audrey Hepburn apparteneva a Maria Pia Di Meo, la quale però cominciò a doppiarla solo dal terzo film da protagonista in poi. Nei primi due, infatti, la voce dell'attrice appartiene a Renata Marini, benché la doppiatrice avesse quasi 30 anni più di Audrey. La Di Meo era invece più giovane di 10 anni ed ancora più giovane era Melina Martello che fu selezionata dalla CVD per Robin e Marian. Pressoché coetanee, invece, erano Fiorella Betti (la cui voce, sia negli anni cinquanta che negli anni sessanta, era maggiormente indicata per le attrici intorno ai 25 anni ed è senz'altro questo il motivo per il quale doppiò Audrey solo in Verdi dimore) e Gabriella Genta (Gli occhi della notte, non doppiato dalla CDC). Sonia Scotti al ridoppiaggio di Cenerentola a Parigi ha toni adeguati al volto della Hepburn, benché sicuramente meno giovanili rispetto alla Di Meo. Deddy Savagnone le presta la voce in un film precedente al boom di notorietà di Audrey, Vacanze a Montecarlo. Si segnala anche la presenza della leggendaria Tina Centi come doppiatrice delle parti cantate di My Fair Lady.

    Premi e candidature [modifica]

    Nel 1999 è stata proclamata dall'American Film Institute la terza più grande attrice della storia del cinema. Audrey Hepburn è una dei pochi artisti ad aver vinto un Premio Oscar, un Emmy, un Grammy ed un Tony. Nella sua carriera ha ricevuto undici designazioni al Golden Globe, vincendolo tre volte, e sei al BAFTA, ricevendo quattro premi. L'attrice è inoltre l'interprete che ha vinto il maggior numero (tre) di David di Donatello per la migliore attrice straniera.

    Principali riconoscimenti assegnati all'attrice:
    Oscar: Oscar alla migliore attrice 1954 per Vacanze romane - Vinto
    Oscar alla migliore attrice 1955 per Sabrina - Nomination
    Oscar alla migliore attrice 1960 per La storia di una monaca - Nomination
    Oscar alla migliore attrice 1962 per Colazione da Tiffany - Nomination
    Oscar alla migliore attrice 1968 per Gli occhi della notte - Nomination
    Premio umanitario Jean Hersholt 1993 - Vinto (postumo)

    Golden Globe Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico 1953 per Vacanze romane -Vinto
    Henrietta Award per la migliore attrice del mondo 1955 - Vinto
    Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale 1956 per Arianna - Nomination
    Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico 1956 per Guerra e pace - Nomination
    Golden Globe per la migliore attrice in un film drammatico 1960 per La storia di una monaca - Nomination
    Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale 1962 per Colazione da Tiffany - Nomination
    Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale 1964 per Sciarada -Nomination
    Golden Globe per la migliore attrice in um film commedia o musicale 1965 per My Fair Lady - Nomination
    Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale 1968 per Due per la strada - Nomination
    Golden Globe per la migliore attrice protagonista in un film drammatico 1968 per Gli occhi della notte - Nomination
    Golden Globe alla carriera 1990 - Vinto

    BAFTA BAFTA alla migliore attrice protagonista 1953 per Vacanze Romane - Vinto
    BAFTA alla migliore attrice protagonista 1954 per Sabrina - Nomination
    BAFTA alla migliore attrice protagonista 1956 per Guerra e pace - Nomination
    BAFTA alla migliore attrice protagonista 1959 per La storia di una monaca - Vinto
    BAFTA alla migliore attrice protagonista 1964 per Sciarada - Vinto
    BAFTA Special Award: premio alla carriera 1992 - Vinto

    David di Donatello David di Donatello per la migliore attrice straniera 1960 per La storia di una monaca - Vinto
    David di Donatello per la migliore attrice straniera 1962 per Colazione da Tiffany - Vinto
    David di Donatello per la migliore attrice straniera 1965 per My Fair Lady - Vinto

    Festival Internazionale del Cinema di San Sebastian Concha de Plata alla migliore attrice 1959 per La storia di una monaca - Vinto

    Screen Actors Guild Awards SAG Special Award: premio alla carriera 1992 - Vinto

    Tony Award Tony alla migliore attrice in uno spettacolo 1954 per Ondine - Vinto
    Tony Special Achievement Award: premio alla carriera 1968 - Vinto

    New York Film Critics Circle Awards: Premio alla migliore attrice protagonista 1953 per Vacanze Romane - Vinto
    Premio alla migliore attrice protagonista 1954 per Sabrina - Nomination
    Premio alla migliore attrice protagonista 1956 per Guerra e pace - Nomination
    Premio alla migliore attrice protagonista 1957 per Arianna - Nomination
    Premio alla migliore attrice protagonista 1959 per La storia di una monaca - Vinto
    Premio alla migliore attrice protagonista 1962 per Colazione da Tiffany - Nomination
    Premio alla migliore attrice protagonista 1965 per My Fair Lady - Nomination
    Premio alla migliore attrice protagonista 1967 per Gli occhi della notte - Nomination

    Modern Screen Award Modern Screen's Top Ten Award: Premio ai migliori attori dell'anno 1954 - Vinto
    Modern Screen Award: miglior attrice 1956 per Guerra e pace - Vinto

    Cleveland Critics Circle Award Premio alla migliore attrice 1961 - Vinto
    Premio alla migliore attrice 1966 - Vinto

    Nastro d'Argento Nastro d'Argento Speciale 1968 - Vinto

    Maschera d'Argento Maschera d'Argento per il Cinema 1968 - Vinto

    Victoire du Cinéma Francais Award Victoire alla migliore attrice dell'anno 1955 - Vinto
    Victoire alla migliore attrice dell'anno 1964 - Vinto

    World Theatre Award World Theatre Award: Most promising personality 1952 per Gigi - Vinto

    Grammy Award Grammy per il Miglior album parlato per bambini 1994 per Audrey Hepburn's enchanted tales - Vinto (postumo)

    Emmy Emmy for Outstanding Achievement-Informational programming 1993 per la trasmissione Gardens of the World with Audrey Hepburn - Vinto (postumo)

    Bambi Premio Bambi Onorario 1991 - Vinto

    Golden Plate Golden Plate Award for Achievement in Arts and Public service 1991 - Vinto

    USA Film Festival Premio Onorario: Master Screen Artist 1991 - Vinto

    Women in Film Crystal Award Crystal Award 1996 - Vinto (postumo)

     
    Audrey Hepburn nella cultura popolare [modifica]

     

     

    Il francobollo emesso nel 2003 Audrey Hepburn ha ispirato la figura della criminologa Julia Kendall,[26] protagonista della serie a fumetti Julia - Le avventure di una criminologa, creata da Giancarlo Berardi e pubblicata dalla Sergio Bonelli Editore.
    Nel 2000 la Hepburn è stata impersonata da Jennifer Love Hewitt nel film per la tv The Audrey Hepburn Story.
    Nel 2003 il Servizio Postale degli Stati Uniti emise un francobollo illustrato da Michael J. Deas, raffigurante il volto dell'attrice.
    In Cina, alcune immagini della Hepburn in Vacanze romane sono state ricolorate ed utilizzate per la pubblicità di un tè verde.[senza fonte]
    Il tubino nero indossato da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany, creato da Givenchy, fu messo all'asta da Christie's nel 2006 e venduto per la cifra di 467.200 sterline (circa 712.000 euro).[27] Si trattava, però, di una copia del vestito utilizzato nel film, copia custodita da Givenchy, mentre quello realmente indossato dalla Hepburn si trova nel Museo del costume di Madrid.
    Marilyn Monroe non fu l'unica a cantare i famosi auguri di compleanno al Presidente degli Stati Uniti, John Kennedy. Anche la Hepburn, il 29 maggio 1963, ultimo compleanno di Kennedy, cantò Happy Birthday, dear Jack al Presidente.[28]
    I compagni di danza del 1948 dicevano che la Hepburn era comunque di una eleganza innata: possedeva due gonne e due camicie, ma aveva decine di foulard da abbinare, ed in questo modo era sempre perfetta.[senza fonte]
    Nel 1985 i Pizzicato Five scrissero una canzone intitolata The Audrey Hepburn Complex.

    Curiosità [modifica]

     

     

     
    Questa sezione contiene «curiosità» da riorganizzare.
    --------------------------------------------------------------------------------
     
    Contribuisci a migliorarla integrando se possibile le informazioni nel corpo della voce e rimuovendo quelle inappropriate.

    Secondo Gregory Peck la poesia preferita della Hepburn era Amore senza fine di Rabindranath Tagore.[senza fonte]
    Secondo suo figlio Luca Dotti, il suo film preferito era La storia di una monaca.[29]

    Onorificenze [modifica]

     

     

    Presidential Medal of Freedom

     

     
    — 1992" — @grace-88
  • Blake Lively
    No item description
  • Oscar De La Renta
    No item description
  • Lauren Graham-Gilmore Girls
    No item description
  • Charlotte
    No item description
  • Samantha
    No item description
  • Miranda
    No item description
  • I'm looking for a taxi!!
    No item description

Post a Comment


Two likes

  • asia-12
  • pisola1

Love this look? Get more styling ideas

Continue
×